⋯
Si diviene-animale soltanto se, attraverso mezzi ed elementi qualunque, si emettono corpuscoli che entrano nel rapporto di movimento e di stasi delle particelle animali o, il che è lo stesso, nella zona di vicinanza della molecola animale. Si diviene animale solo molecolarmente. Non si diviene cane molare abbaiando, ma se si abbaia con sufficiente passione, necessità e composizione, si può emettere un cane molecolare. L’uomo non diviene lupo né vampiro come se cambiasse specie molare, ma il vampiro e il lupo mannaro costituiscono i divenire dell’uomo, cioè vicinanze tra molecole composte, rapporti di movimento e stasi, di velocità e lentezza, tra particelle emesse. E’ in noi che l’animale mostra i denti come il topo di Hofmannsthal o il fiore i suoi petali, ma succede per emissione corpuscolare, per vicinanza molecolare, e non per imitazione di un soggetto né per proporzionalità di forma. Albertine può sempre imitare un fiore, ma solo quando dorme e si compone con le particelle del sonno, un neo e il tessuto della sua pelle entrano in un rapporto di stasi e movimento che la pongono nella zona di un vegetale molecolare: divenire-pianta di Albertine. E quando è prigioniera emette le particelle di un uccello. E quando fugge e si lancia nella sua linea di fuga, diviene cavallo, anche se è il cavallo della morte. Sì, tutti i divenire sono molecolari. L’animale, il fiore o la pietra che diveniamo sono collettività molecolari, ecceità, non forme.

Crediti
 • Gilles Deleuze •
 • Mille piani •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
548% ArticoliPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯
Il caso Nietzsche
525% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Sapere di non essere
293% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯
Il mercantile
243% IneditiSergio Parilli
Magari è troppo presto, ma i sognatori, hanno sempre lo sguardo perso, sicuramente piacevole nei loro pensieri e sorridono… ma, anche se sono solo due righe con due soli sostantivi, l’emozione è sempre la stessa per il poeta. Siamo nel periodo di un’attra⋯
Che cos’è l’uomo
224% ArticoliFilosofiaJózef Maria Bocheński
Rifletteremo ora sull’uomo. A suo riguardo i problemi filosofici sono così numerosi, che ora non è possibile nominarli tutti. La nostra meditazione si riferirà perciò necessariamente solo ad alcuni di essi. Prima di tutto, con i grandi pensatori del passa⋯