⋯
64 governi in 68 anni con 28 ministri diversi, questo è il conto finale della moderna storia politica italiana; facendo una media, ogni 2 anni e mezzo il nostro paese si ferma e riparte per poi rifermarsi. Sembra di essere in quella giostra dove le persone sopra i cavalli cambiano, ma, quando la musica si ferma, siamo sempre nello stesso posto. Il paese si ritrova negli ultimi venti anni in una società palesemente gerontocratica, dove le posizioni di potere sono occupate da persone di 50, 60 e 70 anni di età, favorendo così una disoccupazione che tende ad arrivare al tetto del 50% nei prossimi 10 anni. La grandezza italiana è priva della sua forza da tre generazioni a causa di un sistema politico ed istruttivo (dunque quello educativo) che non incoraggia (anzi in alcuni casi ostacola) l’iniziativa, l’innovazione, il merito e l’opportunità. A livello “istruttivo-professionale” è mancato quel trattino che lega le due parole; pensate ai tempi dei nostri genitori quando in molti venivano formati professionalmente tramite specializzazioni e concorsi, quando è avvenuta la svalutazione della laurea le cose hanno iniziato a degenerare, ma la colpa non è da ricercare come dicono molti nell’aumento della capacitá della classe media di possedere (per fortunaDea romana del caso e del destino, ma in senso positivo.... Leggi o purtroppo) finanze per accedere ad un’istruzione universitaria, ma è da additare ad uno Stato che nei primi anni novanta non ha saputo prevedere ed organizzare il lavoro pubblico e, anche nel privato si è preferito rimandare per un decennio e più il ricambio occupazionale. Tutto ció ha favorito il clientelismo e al contempo l’aumento della corruzione nel paese provocando successivamente la disillusione di una gioventù che vive circondata di successi favoritistici, moralismi e vuotezza. Sembra che tutto il paese sia diventato il capoluogo del provincialismo all’italiana quello stile don Matteo per intenderci, dove ognuno ha il suo piccolo mondo ed ha paura di farlo diventare grande. 64 governi in 68 anni con 28 primi ministri diversi… L’Italia, dove si cambia tutto per non cambiare niente.

Crediti
 • La Garguglia •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Discorsi sospesi
25% IdeeMoacyr Scliar
Non sapeva né leggere né scrivere, ma conosceva tutti i segni d’interpunzione: il punto, la virgola, che sempre la lasciava perplessa, il punto interrogativo ed esclamativo, che le provocavano grandi risate. E il trattino: conosceva anche il trattino. Epp⋯
I nostri nemici
22% Mao Tse TungPolitica
(…) tutti i signori della guerra, i burocrati, i compradores e i grandi proprietari terrieri in collusione con gli imperialisti, così come la parte reazionaria degli intellettuali ad essi asservita, sono nostri nemici. Il proletariato industriale è la f⋯
La motivazione è una stronzata
21% George CarlinSchiele Art
Se chiedete a me, a questo paese potrebbe far comodo un po’ meno motivazione. Le persone che sono motivate sono quelle che causano tutti i problemi: finanzieri imbroglioni, serial killer, molestatori di bambini, cristiani conservatori… Queste persone so⋯
Professione di nascita
20% AforismiEnnio FlaianoSchiele Art
Per molti l’italiana non è una nazionalità, ma una professione.
Senza saperi “di riserva”
20% FilosofiaGilles Deleuze
Non mi sento affatto un intellettuale, un uomo istruito, per una ragione molto semplice: quando vedo qualcuno che è colto mi spavento. Posso provare ammirazione per certi aspetti, per altri assolutamente no. Si distingue bene una persona colta: ha un sape⋯