⋯ Egon Schiele ⋯
SPOSA Non avvicinarti!
LEONARDO Tacere e bruciarsi è il castigo più grande che possiamo attirarci addosso. A che m’è servito, a me, l’orgoglio e il non guardarti e lasciarti vegliare per notti e notti? A nulla! M’è servito ad attirarmi il fuoco addosso! Perché credi, tu, che il tempo guarisca e che le pareti nascondano, e non è vero, non è vero. Quando le cose sono arrivate troppo dentro, non c’è chi possa sradicarle!
SPOSA (tremando) Non ti posso sentire. Non posso ascoltare la tua voce. È come se bevessi una bottiglia d’anice e mi addormentassi su un materasso di rose. E mi trascina, so che affogo, ma seguito ad andarci dietro.

Crediti
 • Federico García Lorca •
 • Nozze di sangue •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Nel paese delle ultime cose
27% Paul AusterPercorsi
Vedi cosa succede qui. Non solo le cose svaniscono, ma una volta svanite, svanisce anche il loro ricordo. Nel cervello si formano delle zone d’ombra, e a meno che non si faccia uno sforzo costante per raccogliere le cose andate, esse spariscono velocement⋯
Lasciarti essere
23% Erich FriedPoesie
Te lasciarti essere te tutta intera Vedere che tu sei tu solo se sei tutto ciò che sei la tenerezza e la furia quel che vuole sottrarsi e quel che vuole aderire Chi ama solo una metà non ti ama a metà ma per nulla ti vuole ritagliare a misura amputare mut⋯
Grembo dell’eterno
20% FrammentiLudwig Feuerbach
Leggo nel gran codice del mondo: Di tutte le cose morte è misura. Silente indifferenza essa riposa dentro ogni forza ed ogni differenza: se vita e morte fossero disgiunte, da tempo il nulla regnerebbe il mondo. Nella morte, la morte dalla vita si scinde e⋯
La verità di ogni cosa
20% Aulo GellioIdee
Quelli che noi chiamiamo filosofi “pirroniani”, con denominazione greca si dicono “scettici”, ciò significa qualcosa, come “ricercatori”, “osservatori”. Essi infatti non giungono a nessuna conclusione, non fissano alcuna definizione: stanno sempre a ricer⋯
Non penso a te
19% Rainer Maria RilkeSchiele Art
Non posso ricordare. Ma quei momenti puri dureranno in me come in fondo a un vaso troppo pieno. Non penso a te, ma sono per amore Per i Greci Eros, per i Romani Cupido, era rappresentato come un giovanetto nudo di grandissima bellezza armato di un arco col quale scagliava le infallibili frecce dalla cui ferita nasceva il mal d'amore. Era la personificazione della forza irresistibile che spinge gli esseri... Leggi tuo e questo mi dà forza. Non ti invento nei luoghi che adesso senza te non hanno senso. Il tuo non esserci è già caldo di te⋯