L’universo impensabile si difende

 ⋯
Sempre, dopo un certo tempo, il «pensare» si ferma. Messo per iscritto, è ciò che chiameremo un pensiero. Eppure è proprio allora che bisognerebbe portarlo avanti, ma non ci sono più appigli. Abissi di nescienza lo fiancheggiano, lo precedono, lo seguono. Inestricabili ⋯