Egon Schiele ⋯

Non c’è niente che sappia di morte più del sole in estate della gran luce, della natura esuberante. Tu fiuti l’aria e senti il bosco e ti accorgi che piante e bestie se ne infischiano di te. Tutto vive e si macera in se stesso. La natura è la morte.

Crediti
 • Cesare Pavese •
 • Il diavolo sulle colline •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Autoritratto a vent’anni
21% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
Mi lasciai andare, lo afferrai in corsa e non seppi mai dove avrebbe potuto condurmi. Ero Nella mitologia greca, sacerdotessa di Artemide a Sesto; innamorata di Leandro, si suicidò quando questi annegò mentre si recava a nuoto da lei attraverso lo stretto dell'Ellesponto Èro e Leandro, (lett.) titolo di un poemetto greco in esametri di Museo (secc. IV-V d.C.). Leandro... Leggi terrorizzato, con lo stomaco allentato e la testa che mi ronzava: credo fosse il respiro freddo dei morti. Non lo so. Mi lasciai andare, pensai fosse un peccato fini⋯
L’estate giunge
21% FrammentiRainer Maria Rilke
Maturare come l’albero, che non incalza i suoi succhi e fiducioso sta nelle tempeste di primavera, senza l’ansia che dopo possa non giungere l’estate. L’estate giunge. Ma giunge solo a chi è paziente e vive come se l’eternità gli stesse innanzi, così sere⋯
Sei la terra che aspetta
21% Cesare PavesePoesieSchiele Art
Hai un sangue, un respiro. Sei fatta di carne di capelli di sguardi anche tu. Terra e piante, cielo di marzo, luce, vibrano e ti somigliano ‒ il tuo riso e il tuo passo come acque che sussultano ‒ la tua ruga fra gli occhi come nubi raccolte ‒ il tuo tene⋯
Desiderio di baciare
21% Camillo SbarbaroSchiele Art
Ora che sei venuta, che con passo di danza sei entrata nella mia vita quasi folata in una stanza chiusa – a festeggiarti, bene tanto atteso, le parole mi mancano e la voce e tacerti vicino già mi basta. Il pigolìo così che assorda il bosco al nascere dell⋯
Il flâneur moscovita
20% PoesieSergej Esenin
Non sono un malfattore e non ho rapinato nel bosco, Non ho fucilato degli infelici nelle prigioni. Sono solo un perdigiorno di strada, Che sorride alle facce che incontra. Sono uno sfaccendato insolente moscovita. In tutto il rione Tverskoj Ogni cane nell⋯