Noell Oszvald
Mi disturba il frastuono invadente
per questo vivo sottovoce il mio passo
nella nota più bassa
sul gradino più indietro
in quell’ombra che svela
una porta soltanto socchiusa E non è indifferenza planata
l’esistenza racchiusa nel gesto garbato
che non vuole entrare in fragore ⋯