Egon Schiele ⋯
L’uomo soffre già di per sé, è anzi soprattutto un animale morboso; ma non è la sofferenza il suo problema, bensì la mancanza di risposta al grido che formula la domanda: “a che scopo soffrire?” L’uomo, l’animale più valoroso e più abituato alla sofferenza, non rinnega la sofferenza in sé; la vuole, la cerca, a patto di capirne il senso, il senso della sofferenza.

Crediti
 • Friederich Dürrenmatt •
 • La guerra invernale del Tibet •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Il caso Nietzsche
379% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Il Codice di Hammurabi
244% ArticoliStorieWikipedia
Quando Anu il Sublime, Re dell’Anunaki, e Bel, il signore di Cielo e terra, che stabilirono la sorte del paese, assegnarono a Marduk, il pantocratore figlio di Ea, Dio della giustizia, il dominio su ogni uomo sulla faccia della terra, e lo resero grande f⋯
Un nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
224% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯
Che cos’è l’uomo
211% ArticoliFilosofiaJózef Maria Bocheński
Rifletteremo ora sull’uomo. A suo riguardo i problemi filosofici sono così numerosi, che ora non è possibile nominarli tutti. La nostra meditazione si riferirà perciò necessariamente solo ad alcuni di essi. Prima di tutto, con i grandi pensatori del passa⋯
Le origini romantiche della psicoanalisi e l’obiezione di Nietzsche
195% ArticoliPsicologiaUmberto Galimberti
A differenza di tutti i popoli della terra, l’uomo occidentale un giorno ha detto Io. L’ha annunciato Platone e l’ha esplicitato Cartesio. La psicologia ha catturato questa parola e ne ha fatto il centro della soggettività, dispiegando una visione del mon⋯