Egon Schiele ⋯
Con la separazione generalizzata del lavoratore e del suo prodotto, si perde ogni punto di vista unitario sull’attività compiuta, come ogni comunicazione personale diretta fra i produttori. Seguendo il progresso dell’accumulazione dei prodotti separati, e della concentrazione del processo produttivo, l’unità e la comunicazione divengono attributo esclusivo della direzione del sistema. La riuscita del sistema economico della separazione è la proletarizzazione del mondo.

Crediti
 • Guy Debord •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
483% ArticoliPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯
Il caso Nietzsche
209% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Democratizzazione senza democrazia
181% ArticoliUldio Calatonaca
I problemi di sovrabbondanza e abuso – intemperanze, esagerazioni, falsità, aggressioni verbali – negli attuali mezzi di comunicazione e uno spunto di soluzione.(problemi e caratteristiche sono “degli” o “negli” attuali mezzi di comunicazione? Ne parlerem⋯
Vogliate essere liberi, e lo sarete!
149% Michail BakuninPolitica
Cari compagni, vi ho detto la volta scorsa che due grandi avvenimenti storici avevano fondato la potenza della borghesia: la rivoluzione religiosa del sedicesimo secolo, conosciuta col nome di Riforma, e la grande Rivoluzione politica del secolo scorso. Ho⋯
La violenza nella storia
136% ArticoliFilosofiaGérard Wormser
Queste genti si percoteano a vicenda non solo con le mani, ma con la testa, col petto, e coi piedi, troncandosi reciprocamente coi denti le membra a brano a brano. • Dante Alighieri • La violenza si presenta come una relazione e non come un oggetto, una c⋯