Egon Schiele ⋯Standing Girl with a Transparent Dress
Tutto quello che mi restava nella coscienza era l’impressione di un incubo, tutto quello che potevo formulare in maniera sensata era una sola e unica parola: GRANDE, un aggettivo unito a una cosa impossibile, a un concetto che non si lasciava identificare, ma che suscitava un terrore incomprensibile, e la parola GRANDE che ero riuscito, attraverso un doloroso sforzo della coscienza, a gettare nel campo della ragione, nel campo dell’articolazione, ad afferrare per un attimo in quel rapido passaggio di concetti e di immagini, così simile a un sogno, questa parola era perfettamente adeguata, si univa in modo perfettamente naturale e logico a un concetto sconosciuto, accordandosi con esso in genere, numero e caso, benché tale concetto fosse ancora fuori dalla sfera del comprensibile, fuori dalla macchia gialla della coscienza. Questo terribile e terrificante GRANDE mi schiacciava con la sua imponente e spaventosa presenza, e il terrore scaturiva dall’incapacità del mio spirito e della mia coscienza a unire a tale aggettivo un nome, perché, precisando il concetto, il contenuto del mio incubo sarebbe diventato più chiaro, il terrore avrebbe forse preso contorni umani, o almeno la forma di una paura comprensibile e definita. Così, questo aggettivo neutro (cioè proprio senza genere) unito a un nome o magari a un verbo, la mia paura, il mio tremito interiore diventavano un incubo desto, ed io allora intuii che forse tutto quello che mi stava accadendo non era altro che la continuazione di un sogno bruscamente interrotto: mentre una parte del mio essere seguiva il corso quotidiano (logico) del pensiero, un’altra parte, nello stesso tempo, era immersa in un sonno profondo, tormentata dall’incubo di un sogno cui non poteva sfuggire: frammenti di questo sogno desto, di questo incubo (da cui si era staccata solo la parola GRANDE), devastavano la mia coscienza e le mie viscere, mentre nel mio cervello, nel mio essere, si svolgevano contemporaneamente due processi, il sonno e la veglia, l’incubo e la lucidità, ma tra questi due processi si levava un muro impenetrabile, un legame interrotto: tutto lo sforzo della mia personalità desta consisteva nel tentativo di afferrare una parola che provenisse dall’altra parte del muro, dall’altra corteccia cerebrale addormentata, perché, dal momento che non potevo vedere, sentissi almeno che cosa accadeva nel mio proprio essere, ora, nello stesso istante: la parola GRANDE era ancora la sola parola articolata e percepibile, a meno che essa non fosse altro che una traduzione, il surrogato di qualche altra parola, di qualche altro concetto, di qualche altra situazione: quello che accadeva dall’altro lato della coscienza avveniva troppo in fretta, le immagini scorrevano a una velocità inconcepibile, e le cose che accadevano laggiù, nella profondità tenebrosa del mio essere, le immagini che scorrevano sulla corteccia del mio cervello, erano troppo spaventose perché io potessi analizzarle, freddamente, anche se fossi riuscito ad afferrarle: tutto avveniva dall’altra parte della vita, nelle profonde regioni mitiche della morte, nella terrificante valle dell’aldilà. Quell’altro, l’altro mio essere, ero io dopo la mia morte: il defunto E.S. di fronte al vivo, il defunto E.S. sorto dal mio proprio sogno, incarnatosi e levatosi accanto al vivo.

Crediti
 • Danilo Kiš •
 • Clessidra •
 • SchieleArt •  Standing Girl with a Transparent Dress • 1910 •

Similari
Il caso Nietzsche
554% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Sapere di non essere
224% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯
Le origini romantiche della psicoanalisi e l’obiezione di Nietzsche
161% ArticoliPsicologiaUmberto Galimberti
A differenza di tutti i popoli della terra, l’uomo occidentale un giorno ha detto Io. L’ha annunciato Platone e l’ha esplicitato Cartesio. La psicologia ha catturato questa parola e ne ha fatto il centro della soggettività, dispiegando una visione del mon⋯
Il mercantile
158% IneditiSergio Parilli
Magari è troppo presto, ma i sognatori, hanno sempre lo sguardo perso, sicuramente piacevole nei loro pensieri e sorridono… ma, anche se sono solo due righe con due soli sostantivi, l’emozione è sempre la stessa per il poeta. Siamo nel periodo di un’attra⋯
La scrittura delle donne
148% ArticoliCixous HélèneSocietà
Héléne Cixous rilegge il saggio di Freud sulla Testa di Medusa per rivendicare il potere dell’écriture feminine, della scrittura femminile. Da terrificante e mostruosa, Medusa si trasforma in una figura sorridente e sovversiva in grado di destabilizzare l⋯