Egon Schiele ⋯Standing Girl with a Transparent Dress
Tutto quello che mi restava nella coscienza era l’impressione di un incubo, tutto quello che potevo formulare in maniera sensata era una sola e unica parola: GRANDE, un aggettivo unito a una cosa impossibile, a un concetto che non si lasciava identificare, ma che suscitava un terrore incomprensibile, e la parola GRANDE che ero riuscito, attraverso un doloroso sforzo della coscienza, a gettare nel campo della ragione, nel campo dell’articolazione, ad afferrare per un attimo in quel rapido passaggio di concetti e di immagini, così simile a un sogno, questa parola era perfettamente adeguata, si univa in modo perfettamente naturale e logico a un concetto sconosciuto, accordandosi con esso in genere, numero e caso, benché tale concetto fosse ancora fuori dalla sfera del comprensibile, fuori dalla macchia gialla della coscienza. Questo terribile e terrificante GRANDE mi schiacciava con la sua imponente e spaventosa presenza, e il terrore scaturiva dall’incapacità del mio spirito e della mia coscienza a unire a tale aggettivo un nome, perché, precisando il concetto, il contenuto del mio incubo sarebbe diventato più chiaro, il terrore avrebbe forse preso contorni umani, o almeno la forma di una paura comprensibile e definita. Così, questo aggettivo neutro (cioè proprio senza genere) unito a un nome o magari a un verbo, la mia paura, il mio tremito interiore diventavano un incubo desto, ed io allora intuii che forse tutto quello che mi stava accadendo non era altro che la continuazione di un sogno bruscamente interrotto: mentre una parte del mio essere seguiva il corso quotidiano (logico) del pensiero, un’altra parte, nello stesso tempo, era immersa in un sonno profondo, tormentata dall’incubo di un sogno cui non poteva sfuggire: frammenti di questo sogno desto, di questo incubo (da cui si era staccata solo la parola GRANDE), devastavano la mia coscienza e le mie viscere, mentre nel mio cervello, nel mio essere, si svolgevano contemporaneamente due processi, il sonno e la veglia, l’incubo e la lucidità, ma tra questi due processi si levava un muro impenetrabile, un legame interrotto: tutto lo sforzo della mia personalità desta consisteva nel tentativo di afferrare una parola che provenisse dall’altra parte del muro, dall’altra corteccia cerebrale addormentata, perché, dal momento che non potevo vedere, sentissi almeno che cosa accadeva nel mio proprio essere, ora, nello stesso istante: la parola GRANDE era ancora la sola parola articolata e percepibile, a meno che essa non fosse altro che una traduzione, il surrogato di qualche altra parola, di qualche altro concetto, di qualche altra situazione: quello che accadeva dall’altro lato della coscienza avveniva troppo in fretta, le immagini scorrevano a una velocità inconcepibile, e le cose che accadevano laggiù, nella profondità tenebrosa del mio essere, le immagini che scorrevano sulla corteccia del mio cervello, erano troppo spaventose perché io potessi analizzarle, freddamente, anche se fossi riuscito ad afferrarle: tutto avveniva dall’altra parte della vita, nelle profonde regioni mitiche della morte, nella terrificante valle dell’aldilà. Quell’altro, l’altro mio essere, ero io dopo la mia morte: il defunto E.S. di fronte al vivo, il defunto E.S. sorto dal mio proprio sogno, incarnatosi e levatosi accanto al vivo.

Crediti
 • Danilo Kiš •
 • Clessidra •
 • SchieleArt •  Standing Girl with a Transparent Dress • 1910 •

Similari
Egon Schiele ⋯ L’asino
81% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
A volte sogno che Mario Santiago viene a prendermi con la sua motocicletta nera. Ci lasciamo alle spalle la città e man mano che le luci vanno sparendo Mario Santiago mi dice che si tratta di una moto rubata, l’ultima moto rubata per viaggiare attraverso ⋯
Egon Schiele ⋯ La visita al convalescente
55% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
È il 1976 e la Rivoluzione è stata sconfitta ma noi ancora non lo sappiamo. Abbiamo 22, 23 anni. Io e Mario Santiago camminiamo lungo una strada in bianco e nero. Alla fine della strada, in un palazzo che sembra uscito da un film degli anni Cinquanta c’è ⋯
Egon Schiele ⋯ SunflowerL’essenza del testo
51% ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso “Il piacere del testo” analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a “leggere fino a farsi del male! F⋯
Egon Schiele ⋯ I cani romantici
51% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
A quel tempo avevo venti anni ed ero pazzo. Avevo perduto un paese ma mi ero costruito un sogno. E possedendo quel sogno tutto il resto non aveva importanza. Né lavorare né pregare né studiare fino a notte fonda insieme ai cani romantici. Quel sogno dimor⋯
Egon Schiele ⋯ Child in BlackDare un senso al non senso
39% Danilo KišSchiele Art
Che cosa sono tutti gli sforzi dell’umanità, tutto ciò che si chiama storia, civiltà, tutto ciò che l’uomo fa e ciò che fa l’uomo, che cos’è tutto questo, se non un inutile e vano tentativo di opporsi all’assurdo della morte universale, di dare ad essa un⋯
Egon Schiele ⋯ Self-Portrait with Hands on ChestÈ l’uomo che dirige
32% Michail BulgakovSchiele Art
“Se Dio non esiste, chi dirige la vita umana e tutto l’ordine sulla terra?” “È l’uomo che dirige”, – si affrettò a rispondere irritato Bezdomnyj a questa domanda che, bisogna riconoscerlo, non era molto chiara. – “Mi perdoni”, – replicò con dolcezza lo sc⋯