⋯
La nostalgia ha una valenza aggressiva che non sempre viene sufficientemente considerata: essa è un’aggressione del passato contro il presente, e questa aggressione colpisce inevitabilmente gli oggetti del sentimento presente, li distanzia, li relativizza, alla fine li nullifica. Operazione non difficile, giacché, nell’ottica della nostalgia, ciò che è presente è sempre imperfetto. E naturalmente lo è davvero: il presente è tridimensionale, corposo, ha un’ombra, oppone resistenza, è necessario parlargli insieme e scendere a patti. Il passato invece è cedevole, acconsente, è un’amata fedele e noi possiamo agghindarla come vogliamo. Il passato è un sogno e del sogno ha la labilità ma anche l’atemporalità, che lo sottrae alle trasformazioni possibili nel mondo della veglia. Perché vi sia trasformazione, il sogno dovrebbe essere sostituito da un progetto e quindi entrare nel circuito vitale di nascita e morte. Stare nella nostalgia significa dunque stare nel luogo della intangibilità, nel luogo dove tutto è già accaduto. Questo è il luogo del crepuscolo, un crepuscolo illimitato, cui non seguirà mai il sorgere del sole. O anche, se si pensa al crepuscolo come alla condizione che segue il tramonto del sole, ci troviamo là dove il sole ha cessato per sempre di splendere; resiste solo un’eco quando la voce ha già cessato di parlare.

Crediti
 • Augusto Romano •
 • Il flâneur all'inferno •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Il caso Nietzsche
708% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Il suono di onde in uno specchio d’acqua
380% Eugenio BorgnaPsicologia
Così David Sylvian tratta la Nostalgia ed io a malapena avevo l’età della Ragione, nel senso che avevo ragione solo IO: figuriamoci quella del Giudizio!. Se tanto mi dà tanto, prima si Ragiona, poi si è Pratici ed infine si Giudica, Kantianamente parlando⋯
Sapere di non essere
338% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯
Il mercantile
275% IneditiSergio Parilli
Magari è troppo presto, ma i sognatori, hanno sempre lo sguardo perso, sicuramente piacevole nei loro pensieri e sorridono… ma, anche se sono solo due righe con due soli sostantivi, l’emozione è sempre la stessa per il poeta. Siamo nel periodo di un’attra⋯
Il tempo e le sue_nostre concezioni
230% ArticoliFilosofiaTommaso Giordani
Interrogarsi sulla natura del tempo, cercando di darne una spiegazione razionale in rapporto alla storia e, perché no, alla nostra quotidianità, è molto complicato. Sebbene la concezione del tempo sia andata trasformandosi nel corso della storia in modo f⋯