Gustave Doré ⋯ Arrivo del samaritano alla locanda
Ahi quanto cauti li uomini esser dienno
presso a color che non veggion pur l’ovra,
ma per entro i pensier miran col senno!

Crediti
 • Dante Alighieri •
 • Sugli uomini •
  • XVI, 118-120 •
 • Pinterest • Gustave Doré Arrivo del samaritano alla locanda • The Dore Gallery of Bible Illustrations •

Similari
Egon Schiele ⋯ Self-Portrait with FruitLasciatemi esser felice
92% Pablo NerudaPoesieSchiele Art
Questa volta lasciatemi esser felice non è successo nulla a nessuno non sono in alcuna parte accade solamente che sono felice in tutte le parti del cuore camminando dormendo o scrivendo che ci posso fare, sono felice Son più innumerevole dell’erba nelle p⋯
Gustave Doré ⋯ Vien dietro a me, e lascia dir le genti
65% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
Vien dietro a me, e lascia dir le genti: sta come torre ferma, che non crolla già mai la cima per soffiar di venti; ché sempre l’omo in cui pensier rampolla sovra pensier, da sé dilunga il segno, perché la foga l’un de l’altro insolla.
Egon Schiele ⋯ Selva oscura
34% Dante AlighieriPoesieSchiele Art
Nel mezzo del cammin di nostra vita mi ritrovai per una selva oscura ché la diritta via era smarrita. Ahi quanto a dir qual era è cosa dura esta selva selvaggia e aspra e forte che nel pensier rinova la paura! Tant’è amara che poco è più morte; ma per tra⋯
Gustave Doré ⋯ E qual è quei che volontieri acquista
33% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
E qual è quei che volontieri acquista, e giugne ‘l tempo che perder lo face, che ‘n tutti suoi pensier piange e s’attrista; tal mi fece la bestia sanza pace, che, venendomi ‘ncontro, a poco a poco mi ripigneva là dove ‘l sol tace.
Gustave Doré ⋯ Paolo a EfesoE qual è quei che disvuol ciò che volle
33% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
E qual è quei che disvuol ciò che volle e per novi pensier cangia proposta, sì che dal cominciar tutto si tolle, tal mi fec’ïo ‘n quella oscura costa, perché, pensando, consumai la ‘mpresa che fu nel cominciar cotanto tosta.
Gustave Doré ⋯ Non aspettar mio dir più né mio cenno
26% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
Non aspettar mio dir più né mio cenno; libero, dritto e sano è tuo arbitrio, e fallo fora non fare a suo senno: per ch’io te sovra te corono e mitrio.