Al di là del dilettante
Il dilettante non viene definito necessariamente da un sapere di grado inferiore, e neppure da una tecnica imperfetta, ma da qualcos’altro: il dilettante è colui che non si fa vedere, colui che non si fa sentire. Qual è il significato di questo eclissarsi? Il dilettante si limita a produrre il proprio godimento (però nulla impedisce che diventi anche il nostro, senza che egli lo sappia), e questo godimento non procede verso nessuna isteria. Al di là del dilettante, finisce il godimento puro (estraneo a ogni nevrosi) e ha inizio l’immaginario, cioè l’artista: senza dubbio l’artista gode, però dal momento che si mostra e si fa sentire, e quindi ha un pubblico, il suo godimento deve fare i conti con un’immagine, che è il discorso tenuto dall’Altro su ciò che egli fa. Réquichot non mostrava mai le sue tele (che sono ancora poco conosciute): Ogni sguardo sulle mie creazioni è un’usurpazione del mio pensiero e del mio cuore. Quel che faccio non è fatto per essere visto. I vostri giudizi e le vostre lodi sono come degli intrusi che turbano e maltrattano la genesi, l’inquietudine, la percezione delicata del mentale in cui germoglia qualcosa che cerca di crescere.

 
Crediti
 • Roland Barthes
 • Pinterest • Bernard Réquichot Sans Totre • VG Bild-Kunst, Bonn 2013

Similari

 ⋯ Il caso Nietzsche
746%  •  ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯


 ⋯ L’onore
458%  •  Arthur SchopenhauerFilosofia
La discussione sull’onore sarà molto più difficile e molto più lunga di quella sul grado. Prima di tutto dovremo definirlo. Se a tal uopo dicessi: «L’onore è la coscienza esterna, e la coscienza è l’onore interno», la definizione potrebbe forse piacere a ⋯


Gustave Doré ⋯ Elia distrugge i messaggeri di AhaziaCirca la nostra condotta verso noi stessi
457%  •  Arthur SchopenhauerDoré GalleryFilosofia
4.° Il manovale che aiuta a fabbricare un edifizio, non ne conosce il progetto, o non l’ha sempre sotto gli occhi; tale è pure la posizione dell’uomo mentre è occupato a dividere uno per uno i giorni e le ore della sua esistenza in rapporto all’insieme de⋯


 ⋯ Il Codice di Hammurabi
417%  •  ArticoliStorieWikipedia
Quando Anu il Sublime, Re dell’Anunaki, e Bel, il signore di Cielo e terra, che stabilirono la sorte del paese, assegnarono a Marduk, il pantocratore figlio di Ea, Dio della giustizia, il dominio su ogni uomo sulla faccia della terra, e lo resero grande f⋯


Egon Schiele ⋯ SunflowerL’essenza del testo
367%  •  ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso Il piacere del testo analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a leggere fino a farsi del male! Fino⋯


 ⋯ Il dolore, e la noia. L’intelligenza
358%  •  Arthur SchopenhauerFilosofia
Un semplice colpo d’occhio ci fa scoprire due nemici della felicità umana; il dolore e la noia. Inoltre possiamo osservare che a misura che riusciamo ad allontanarci dall’uno, ci avviciniamo al secondo, e reciprocamente; di maniera che la nostra vita rapp⋯