Alberi d'autunno sulle colline
Il dipinto Autumn Trees on Hills (Herbstbäume auf Hügeln) di Egon Schiele è un olio su legno del 1912, firmato e datato in basso a destra. Il dipinto è stato esposto alla Neue Galerie di Vienna nel novembre del 1923 e fa parte di diverse collezioni private, tra cui quella di Oskar Reichel a Vienna nel 1923 e quella di un collezionista privato in Austria nel 1993.

Secondo alcune fonti, come la corrispondenza tra Schiele e Arthur Roessler del marzo 1912, il dipinto sarebbe conosciuto anche come Autumn Day (Herbsttag) with two trees and yellow fence. Il dipinto raffigura una scena autunnale con colline sullo sfondo e alberi spogli che si stagliano contro il cielo. La pennellata è decisa e nervosa, tipica dello stile espressionista dell’artista austriaco.

Il dipinto è stato incluso in diverse mostre importanti, tra cui quella alla National Gallery of Art di Washington nel 1994. Il critico d’arte Gianfranco Malafarina ha incluso il dipinto nella sua opera L’Opera di Schiele del 1982, mentre Kimberly A. Smith ha dedicato una sezione al dipinto nel suo libro Between Ruin and Renewal: Egon Schielès Landscapes del 2004.

Inoltre, il dipinto è stato incluso anche nel catalogo Egon Schiele: The Ronald S. Lauder and Serge Sabarsky Collections del 2005, curato da Renée Price. L’opera è considerata un esempio significativo del lavoro di Schiele come pittore di paesaggi, mostrando la sua abilità di rappresentare la natura con un’intensità e una passione che sono diventate un marchio distintivo del suo stile.

Crediti
 Joe Conta
 Disegni di Schiele
 SchieleArt •  Autumn Trees on Hills • 




Quotes casuali

Ben mille volte
Fortunato colui che la caduca
Virtù del caro immaginar non perde
Per volger d'anni.
Giacomo Leopardi
Ci vogliono due anni per imparare a parlare e cinquanta per imparare a tacere. Il silenzio non è vuoto, ma è pieno di risposte. È solo quando riesci a tacere, evitando discussioni inutili, che mostri la tua intelligenza e la tua saggezza. Questa è quel genere di filosofia che non è nata per essere insegnata, ma per essere praticata.Luciano de Crescenzo
Ogni volta che ha dovuto scegliere tra l'uomo ragionevole e il pazzo, il mondo ha sempre seguito il pazzo senza esitare. Perché il pazzo lusinga quello che è fondamentale nell'uomo, le passioni e gli istinti; la filosofia non si rivolge che a ciò ch'è superficiale e superfluo: la ragione.Aldous Huxley