Struggle of the Aleph
[…] La morte, o la sua illusione, rende preziosi e patetici gli uomini.
Questi si commuovono per la loro condizione di fantasmi; Ogni atto che compiono può essere l’ultimo; e non c’è volto che non sia sul punto di cancellarsi come il volto d’un sogno.
Tutto, tra i mortali, ha il valore dell’irrecuperabile e del casuale.
Tra gli Immortali, invece, ogni atto, e ogni pensiero, è l’eco d’altri che nel passato lo precedettero, senza principio visibile, o il fedele presagio di altri che nel futuro lo ripeteranno fino alla vertigine.
Non c’è cosa che non sia come perduta tra infaticabili specchi.
Nulla può accadere una sola volta, nulla è preziosamente precario.
Ciò che è elegiaco, grave, rituale, non vale per gli Immortali.
Omero ed io ricordo, ci separammo alle porte di Tangeri; credo senza dirci neanche addio!

Crediti
 Jorge Luis Borges
 The Aleph
 Pinterest •  Struggle of the Aleph • 




Quotes per Jorge Luis Borges

Beati coloro che non hanno fame di giustizia, perché sanno che la nostra sorte, avversa o benigna, è opera del caso, che è inscrutabile.

Sotto la gronda
lo specchio non riflette
più che la luna.

Sicuro della mia vita e della mia morte, guardo [gli ambiziosi e vorrei capirli. Il loro giorno è avido come il lazo nell'aria.  Vanteria di quiete

Al destino piacciono le ripetizioni, le varianti, le simmetrie.

Da quel giorno
non ho toccato i pezzi
sulla scacchiera.