All’alba dell’impensato

Mentre scrivi hai gli occhi rivolti in basso,
ma il cielo è nei tuoi occhi.
C’è un solo cielo, come c’è un solo foglio.
I nostri vocaboli costellano le notti del pensiero;
all’alba dell’impensato essi sono impercettibili.

Crediti
 • Edmond Jabès •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ Le tue decisioni tragiche
102% Julio CortázarSchiele Art
E sì, pare che sia così, pare che te ne sia andata dicendo non so cosa, che andavi a gettarti nella Senna, qualcosa di simile, una di quelle frasi da notte fonda, mescolate a lenzuola e a bocca impastata, quasi sempre nel buio o con qualcosa come mano o p⋯
Egon Schiele ⋯ I tuoi valori diventano il tuo destino
66% Mahatma GandhiSchiele Art
Mantieni i tuoi pensieri positivi, perché i tuoi pensieri diventano parole. Mantieni le tue parole positive, perché le tue parole diventano i tuoi comportamenti. Mantieni i tuoi comportamenti positivi, perché i tuoi comportamenti diventano le tue abitudin⋯
Minor WhiteDella solitudine come spazio di scrittura
63% ArticoliEdmond Jabès
L’aurora, diceva, è un gigantesco autodafé di libri: spettacolo grandioso di un sapere supremo sbalzato giù dal trono. Vergine, allora, è il mattino. La scrittura è l’espressione di questa solitudine? Si può dare scrittura senza solitudine, oppure, ancora⋯
Egon Schiele ⋯ Friederike Maria BeerNon è proprio così
62% José SaramagoSchiele Art
C’era un tempo in cui le parole erano talmente poche che non ne avevamo neppure per esprimere qualcosa di tanto semplice come Questa bocca è mia, o Codesta bocca è tua, e tanto meno per domandare perché abbiamo le bocche unite. Gli uomini di oggi non imma⋯
Egon Schiele ⋯ Un mondo a misura d’uomo
59% Milan KunderaSchiele Art
Immaginiamo di vivere per qualche istante all’interno di un mondo che va a rallentatore. Nella normalissima passeggiata quotidiana, che ci porta da casa alle attività di ogni giorno, calati in una tediosa, soporifera routine di movimenti, orari e scorci, ⋯
Egon Schiele ⋯ LL’abbraccio: opera che parla ai nostri giorni
59% ArticoliDaniel di SchulerSchiele Art
A bocca aperta. Sara rimasto così, Gustav Klimt, vedendo quei fogli dell’album. Come Perugino quando Raffaello gli avrà mostrato quel che papà gli aveva insegnato. Come chi avrà sentire suonare l’ancor più giovane Mozart. Come tutti quelli cui capita di t⋯