⋯
L’analfabetismo funzionale è l’incapacità parziale o totale di comprendere il senso di un testo correttamente letto. La condizione implica il possesso della facoltà di leggere, ma la perdita parziale o totale di comprensione. Quando si è analfabeti, non si è per nulla in grado di leggere o scrivere, ma si mantiene la comprensione di ciò che si ascolta. L’analfabetismo funzionale limita maggiormente la libertà di un individuo dell’analfabetismo semplice. Il soggetto interagisce con tutte le tecnologie dell’informazione e della comunicazione, ma senza potersi da loro difendere. Secondo dati OCSE in Italia il 47% della popolazione, quasi un italiano su due, si informa, vota, acquista e lavora, basandosi su una capacità di analisi e comprensione soltanto elementare. In altre parole il soggetto affetto da analfabetismo funzionale interagisce con comunicazione e tecnologia privo di una visione complessiva e evidenziando deficit più o meno sostanziosi di comprensione basilare.La sociologia osserva l’analfabetismo funzionale in relazione a crimini e povertà. Il problema maggiore resta però la assoggettazione di vaste fette di popolazione ai mass media, alla programmazione dei comportamenti voluta dal business e di conseguenza dalla politica.

Coloro che sono analfabeti funzionali possono essere soggetti a intimidazione sociale, induzione all’acquisto, rischi per la salute. Sono pertanto facili vittime di predazione politica e economica Il fenomeno ha gravi dimensioni in tutti i paesi studiati anche se nessuno raggiunge i livelli negativi di Italia e Spagna. In questi due paesi circa metà della popolazione esprime in varia intensità un analfabetismo funzionale. Perfino in paesi virtuosi, per eccellenza dei sistemi scolastici e diffusione della lettura, si trovano percentuali di analfabeti prossime al 40%: così in Giappone, Corea, Finlandia, Paesi Bassi. Il progetto ALL Adult Literacy and Lifeskills, nell’ambito di una ricerca comparativa internazionale promossa dall’OCSE, ha consentito di ragionare sulla gravità della situazione. L’analfabetismo funzionale è stato realizzato tramite strumenti diversi tra loro precisamente accordati in un preciso progetto. La parte rilevante del processo è stata realizzata tramite la destrutturazione del sistema didattico operata in tutti i paesi negli ultimi settanta anni, in modo che formalmente evidenziasse una progressione della cultura, ma che in pratica realizzasse sacche di ignoranza rilevantissime.

A livello sociale si è premiata la super-competenza e si è ridotta la cultura generale. La super-competenza in un settore parziale consente analfabetismo funzionale su settori rilevanti per l’esercizio del libero arbitrio. L’alimentazione media si è arricchita nello stesso arco temporale di molte calorie, ma di scarsa qualità, consentendo di ridurre tramite lesioni fisiche le facoltà cognitive e aumentando la disabilità. I sistemi sanitari sono evoluti attraverso la sommistrazione di terapie sempre più aggressive, ma senza consentire ai malati da loro assistiti di comprendere il processo ai quali sono sottoposti. L’ambiente è stato inibito in vario modo di sostanze tossiche, lesive in molti casi proprio per le funzioni cognitive. La comunicazione di massa e la pubblicità hanno trovato facili prede per gli obiettivi economici e pertanto politici precedentemente disegnati a tavolino. In questo contesto l’analfabetismo culturale diffuso consente di fare credere alle masse ciò che si ritiene utile, monitorando la efficacia del trattamento applicato attraverso i sondaggi. Occorre un sussulto di dignità e una espansione di consapevolezza per consentire all’essere umano di sopravvivere alla sfida più tremenda alla quale è sottoposto ovvero di essere posseduto.

Crediti
 • Wikipedia •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Tra neuroscienze, psicologia e letteratura, la nascita di unIl cervello raccontato
104% ArticoliNeuroscienzePaolo Pecere
Il rapporto tra l’attività cerebrale e l’identità di una persona è un tema attualissimo, che fin dalle sue prime formulazioni moderne ha messo in questione il ruolo della narrazione: come può collegarsi l’operare dei miliardi di neuroni che compongono il ⋯
 ⋯ Pensiero neurofilosofico
70% Autori VariNeuroscienze
Tradizionalmente, le teorie dominanti sulla filosofia della mente e le scienze cognitive hanno marginalmente considerato il ruolo del corpo nella situazione ambientale, per comprendere la natura della cognizione. Negli ultimi decenni, diversi autori hanno⋯
 ⋯ Il Codice di Hammurabi
58% ArticoliStorieWikipedia
Quando Anu il Sublime, Re dell’Anunaki, e Bel, il signore di Cielo e terra, che stabilirono la sorte del paese, assegnarono a Marduk, il pantocratore figlio di Ea, Dio della giustizia, il dominio su ogni uomo sulla faccia della terra, e lo resero grande f⋯
 ⋯ Basi neurologiche della coscienza
45% ArticoliAutori VariNeuroscienze
Spesso non siamo consapevoli di quelle che sono le ragioni e le cause del nostro comportamento; più indaghiamo nei meandri della mente, più ci si accorge di quanto sia importante e potente il nostro inconscio. L’inconscio, come parte più intima di noi ste⋯
 ⋯ La geografia della mente
20% ArticoliAutori VariNeuroscienze
L’interesse dell’uomo per lo studio del cervello ha radici molto antiche. Un papiro egiziano che risale al diciassettesimo secolo, a.c. contiene, in geroglifici, la parola “cervello” in numerose ricorrenze; si sa, infatti, che gli antichi egizi operavano ⋯
 ⋯ L’amore romantico
19% NeuroscienzeSemir Zeki
Il più delle volte l’amore romantico è scatenato da un segnale visivo, ma ciò non significa che siano esclusi altri fattori, come la voce, l’intelletto, il fascino oppure la condizione economica e quella sociale. Non desta perciò sorpresa che i primi stud⋯