Anche se avessero ragione!

L’onestà, posto che sia questa la nostra virtù, quella dalla quale noi spiriti liberi non possiamo liberarci – ora vogliamo occuparci di lei con ogni malizia e con ogni amore e non stancarci di «perfezionarci» nella nostra virtù che è l’unica che ci rimanga: e resti pure sospeso il suo splendore come una dorata, azzurra, derisoria luce serotina su questa cultura in declino e la sua pesante e tetra serietà! E se poi, un giorno, la nostra onestà si staccasse e sospirasse e stirasse le braccia e ci trovasse troppo duri e desiderasse qualcosa di meglio, di più facile, di più tenero, come un piacevole vizio: restiamo duri, noi ultimi stoici! e mandiamo in suo soccorso ciò che c’è in noi di diabolico – il nostro disgusto per la goffaggine e l’approssimazione, il nostro «nitimur in vetimur», la nostra audacia da avventurieri, la nostra curiosità scaltra e raffinata, la nostra più sottile, più simulata e più spirituale volontà di potenza e di superamento del mondo, che si libra e aleggia avidamente intorno a tutti i regni del futuro, – veniamo in soccorso del nostro «Dio» con tutti i nostri «diavoli!»

È verosimile che in seguito a ciò noi veniamo disconosciuti e confusi: cosa importa! Si dirà: «La loro onestà – è la loro diavoleria, e niente di più!». Che cosa importa! Anche se avessero ragione! Tutti gli dèi non furono fino ad oggi uguali a diavoli ribattezzati e divenuti santi? E cosa sappiamo in fondo di noi stessi? E come vuoi essere chiamato lo spirito che ci guida? (E una questione di nomi.) E quanti spiriti nascondiamo in noi? La nostra onestà, noi spiriti liberi, – preoccupiamoci che essa non diventi la nostra vanità, il nostro ornamento e il nostro sfarzo, il nostro limite, la nostra idiozia! Ogni virtù tende alla stupidità, ogni stupidità alla virtù; «sciocco fino alla santità» si dice in Russia, -. preoccupiamoci di non diventare infine per onestà anche santi e noiosi! La vita non è forse cento volte troppo breve per – annoiarsi? Si è già dovuto credere alla vita eterna per…

Crediti
 • Friedrich Nietzsche •
 • Al di là del bene e del male •
  • Le nostre virtù •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
 ⋯ Il caso Nietzsche
704% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯

 ⋯ Sapere di non essere
367% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯

 ⋯ Delle tavole antiche e delle nuove
305% FilosofiaFriedrich Nietzsche
1. «Qui io siedo ed attendo; mi circondano vecchie tavole infrante, e nuove tavole a metà scritte. Quando giunge la mia ora? — L’ora del mio tramonto, della mia distruzione; giacché una volta ancora io voglio discendere tra gli uomini. Ecco quello che att⋯

 ⋯ Il mercantile
302% IneditiSergio Parilli
Magari è troppo presto, ma i sognatori, hanno sempre lo sguardo perso, sicuramente piacevole nei loro pensieri e sorridono… ma, anche se sono solo due righe con due soli sostantivi, l’emozione è sempre la stessa per il poeta. Siamo nel periodo di un’attra⋯

 ⋯ L’esperienza e la verità
286% Carlo SiniFilosofia
Il dibattito sulla oggettività e il cosiddetto pensiero forte del nuovo realismo ha trovato ampio spazio soprattutto sul quotidiano «la Repubblica». Può essere utile partire di qui, perché è vero che gli articoli di giornale non consentono quella articola⋯

 ⋯ Impero, vent’anni
277% Autori VariPolitica
Vent’anni fa, quando è stato pubblicato il nostro libro Impero, i processi economici e culturali della globalizzazione erano al centro della scena: tutti potevano vedere che stava emergendo qualcosa come un nuovo ordine mondiale. Oggi la globalizzazione è⋯