Annuncio di un canto disumano

Figura diametralmente opposta a Orfeo è quella dell'”eroe” (o meglio, in questo frangente, forse “antieroe“) greco Ulisse. Il primo incarna il desiderio portato all’estremo livello del sacrificio totale, mentre il secondo si fa solamente portavoce di quella padronanza dell’arte che priva di significato e annulla la capacità mortifera dell’impazienza. Quando invece Ulisse si approssima all’incontro con le Sirene, lo fa con prudenza, egli non è pronto a correre un rischio che lo induca ad azzerarsi e non vuole subire le conseguenze delle sue azioni. Le Sirene rappresentano l’annuncio di un canto disumano e intollerabile proveniente e conducente alla notte dell’arte, sono la potenza di quel canto capace di precipitare l’ascoltatore nell’abisso. Ulisse non è disposto a spingersi così oltre: egli vuole fruire e godere del canto senza però subirne la fascinazione, senza votarsi a quel sacrificio senza il quale non entrerebbe in contatto con l’Opera: per ciò agisce d’astuzia facendosi legare all’albero maestro della sua nave. In tal modo egli evita una morte certa, ma, così facendo
restituisce l’opera alla sfera del giorno rendendola insincera e inautentica e sottraendole il suo reale e intrinseco valore. Ulisse è simbolo di quell’opera che, ormai riconciliata col mondo, ha perso la propria poeticità e si è dissolta in quanto arte, cosa che invece non fa Orfeo che, facendosi pura perdita, realizza la vera natura dell’arte.

Crediti
 • Sara Mandozzi •
 • Pinterest • John William Waterhouse  •  •

Similari
⋯  ⋯Sexistenza
118% Anna Maria TocchettoFrammentiJean-Luc Nancy
Esiste l’amore in tutta la sterminata estensione del termine, l’amore senza confini, l’amore per l’umanità, il mondo, la musica, il mare o la montagna, la poesia o la filosofia, che è essa stessa amore della sapienza. Non è così? Quest’ultima, a sua volta⋯
Octavian FlorescuIntimità aperta
118% FrammentiMaria Lo Conti
Kafka individuava il momento esatto in cui la scrittura ha potuto trasformarsi per lui in letteratura: il momento in cui ha potuto sostituire “Io” con “Egli”. Quando lo scrittore priva l’opera dell’ingombro della propria persona, quando ha la forza di imp⋯
 ⋯ La sofferenza dell’essere bella
105% Alessandro BariccoFrammenti
Elena è una donna sola che vuole tornare a casa. Stanca di essere guardata, di essere additata come causa primordiale di tutte le sciagure o come causa di morte di migliaia di persone, accecate dal vapore velenoso del suo splendore. Ogni volta che si affo⋯
⋯  ⋯Tirannia, Democrazia e Anarchia
77% FrammentiMaksim Gorkij
La Terra è il teatro di una lotta tra il Nero e il Rosso. La forza del Nero è la sua sete insaziabile di regnare sugli uomini. Crudele, avido e cattivo egli ha disteso sul mondo le sue ali pesanti e avviluppato tutto il globo nell’ombra gelida del suo ter⋯
 ⋯ Eros & Civiltà
55% Anna Maria TocchettoFrammenti
La cultura implica un senso di misura e di distacco da se stessi e di conseguenza un innalzamento al di sopra di sé verso l’universalità. • Hans Georg Gadamer • Le immagini orfico-narcisistiche sono le immagini del Grande Rifiuto: del rifiuto di accettare⋯
 ⋯ L’inconsolabile
51% Cesare PaveseFrammentiTeatro
ORFEO: È andata così. Salivamo il sentiero tra il bosco delle ombre. Erano già lontani Cocito, lo Stige, la barca, i lamenti. S’intravvedeva sulle foglie il barlume del cielo. Mi sentivo alle spalle il frusciò del suo passo. Ma io ero ancora laggiù e avev⋯