Two women in embrace
Quel desiderio di raggiungere il vecchio continente che da tempo covava sotto la cenere nel cuore di Margaret tornò ad accendersi. Poi fu la volta del secondo sconosciuto: A. R. Orage, che raccontò di un antico insegnamento esoterico mirante allo sviluppo di sé e al risveglio della coscienza, e del potente maestro che lo aveva rivelato. E infine apparve il terzo sconosciuto, il maestro in persona: Georges Ivanovië Gurdjieff.
Margaret non aveva mai sentito parlare di Gurdjieff né delle sue idee prima degli anni Venti, quando aveva letto il Tertium Organum di Pëtr Dem’janovië Uspenskij, un libro secondo lei scritto da una «grande mente». Uspenskij era un allievo russo di Gurdjieff che all’epoca viveva in Inghilterra. La prima volta che Margaret sentì pronunciare il nome di Gurdjieff dalle labbra di un personaggio di fama fu nel gennaio 1923, quando il cinquantunenne Richard Alfred Orage fu inviato a New York da Gurdjieff in persona. Orage, noto critico inglese che era stato direttore dell’autorevole «New Age», periodico letterario e politico di Londra, aveva abbandonato la sua professione per seguirlo.
Orage si era recato a New York per fare proseliti per il suo istruttore spirituale e teneva delle conferenze in alcune librerie — come la Sunwise Turn — nelle quali parlava dell’antico insegnamento della Quarta Via e dell’Istituto per lo Sviluppo Armonico dell’Uomo fondato da Gurdjieff e con le quali sperava di diffondere la dottrina. Sia Margaret che Jane assistettero alle conferenze di Orage, come anche molti rappresentanti dell’élite intellettuale della città, tra cui i romanzieri Jean Toomer e Zona Gale, critici come Gorham Munson, John O’Hara Cosgrave e Schuyler Jackson, e Muriel Draper che scriveva sul «New Yorker».
Di Orage, Margaret disse: «Era alto e affabile, ma anche sveglio e sicuro di sé: l’uomo più persuasivo che abbia mai conosciuto. Si accomodò e cominciò a spiegare, semplicemente, lo scopo per cui era venuto». Dopo la conferenza, le due donne accompagnarono Orage al ristorante Childs, dove lo subissarono di domande. «A mezzanotte», disse Margaret, «avevamo già capito che questa dottrina non avrebbe soddisfatto le nostre speranze, le avrebbe superate.»
Verso la fine di gennaio, lo stesso Gurdjieff arrivò dalla Francia con una troupe di suoi allievi. La prima dimostrazione si tenne alla Lesley Hall sulla 83ma Strada appena a ovest di Broadway. Il programma consisteva soprattutto nell’introduzione di Orage, seguita da alcune danze singole e di gruppo dell’Asia Centrale, che Thomas de Hartmann, famoso compositore russo, accompagnava al piano. Poi si proseguì con alcune serie di esercizi obbligatori e dimostrazioni di trucchi magici di vario genere.
In Gurdjieff, Margaret scorse: Un messaggero tra due mondi, un uomo dalla pelle scura e dal volto orientale, la cui vita sembrava concentrarsi tutta intera nello sguardo. La sua presenza era impossibile da descrivere perché non ho mai incontrato nessuno con il quale confrontarla. In altre parole, come si riconoscerebbe subito in Einstein un «grande uomo», noi vedemmo in Gurdjieff un tipo d’uomo sconosciuto: era un veggente, un profeta, un messia? . . . Quello che i filosofi hanno tramandato come «sapienza», che gli studiosi hanno scritto in libri e trattati o che i mistici hanno insegnato tramite le rivelazioni dell’estasi, Gurdjieff lo insegnava come una scienza — una scienza esatta dell’uomo e del suo comportamento — una scienza suprema di Dio, del mondo, e dell’uomo — basata su fonti alle quali gli scienziati e gli psicologi contemporanei non avrebbero mai potuto spingersi né pervenire, alle quali non avrebbero potuto accedere né tantomeno avrebbero potuto comprendere.
Disse poi che anche Jean Toomer, che aveva studiato il metodo di rieducazione fisica noto come Tecnica Alexander, era stato conquistato da Gurdjieff. La prima volta che lo aveva visto aveva affermato: «Vidi quell’uomo in movimento, ed era un’entità integra in movimento. Assolutamente un intero. Dalla sommità della testa alla nuca, giù per il collo fino alla schiena e alle gambe, si profilava una linea che balzava agli occhi. Potrei forse definirla una linea compatta. Suggeriva coordinazione, integrazione, compattezza, potenza. .. Ero affascinato dal suo modo di camminare. Anche se i piedi poggiavano per terra, non sopportavano alcun peso; il suo era uno scivolare, con passo ampio, un incedere leggerissimo».

Crediti
 • William Patrick Patterson •
 • Le donne della cordata •
 • SchieleArt • Imagno Two women in embrace • 1911 •

Similari
Egon Schiele ⋯ LL’abbraccio: opera che parla ai nostri giorni
59% ArticoliDaniel di SchulerSchiele Art
A bocca aperta. Sara rimasto così, Gustav Klimt, vedendo quei fogli dell’album. Come Perugino quando Raffaello gli avrà mostrato quel che papà gli aveva insegnato. Come chi avrà sentire suonare l’ancor più giovane Mozart. Come tutti quelli cui capita di t⋯
Egon Schiele ⋯ SunflowerL’essenza del testo
47% ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso Il piacere del testo analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a leggere fino a farsi del male! Fino⋯
Egon Schiele ⋯ Self-Portrait with Hands on ChestÈ l’uomo che dirige
42% Michail BulgakovSchiele Art
Se Dio non esiste, chi dirige la vita umana e tutto l’ordine sulla terra? È l’uomo che dirige, – si affrettò a rispondere irritato Bezdomnyj a questa domanda che, bisogna riconoscerlo, non era molto chiara. Mi perdoni, – replicò con dolcezza lo sconosciut⋯
Egon Schiele ⋯ Pratiche olistiche degli antichi maestri
40% FilosofiaLao TzuSchiele Art
Le pratiche olistiche degli antichi maestri integrano scienza, arte, e personale sviluppo spirituale. Mente, corpo e spirito partecipano in modo uniforme. Essi includono: Yi Yau, la scienza di guarigione che incorpora diagnosi, l’agopuntura, la medicina a⋯
Egon Schiele ⋯ Dead City III (City on the Blue River)Parla Ipolit, un malato terminale di tisi
26% Fëdor DostoevskijSchiele Art
Evidentemente la mia convinzione che per due settimane non valga la pena di soffrire o abbandonarsi ad alcuna sensazione, ha avuto la meglio sulla mia natura e forse dirige tutti i miei sentimenti. Ma è proprio vero? È forse vero che la mia natura è stata⋯
Egon Schiele ⋯ Un mondo a misura d’uomo
25% Milan KunderaSchiele Art
Immaginiamo di vivere per qualche istante all’interno di un mondo che va a rallentatore. Nella normalissima passeggiata quotidiana, che ci porta da casa alle attività di ogni giorno, calati in una tediosa, soporifera routine di movimenti, orari e scorci, ⋯