Siena - 1953

E in questo mondo, in questo palco popolato da esseri tormentati e agonizzanti, che continuano a esistere solo divorandosi l’un l’altro, nel quale, quindi, ogni bestia vorace è la tomba vivente di migliaia di altre, e il suo stesso mantenimento è una catena di morti dolorose; e nel quale la capacità di provare dolore aumenta di pari passo con la conoscenza, e perciò raggiunge il suo apice con l’uomo, un grado che si innalza più l’uomo stesso è intelligente; in questo mondo, si ritiene che si debba applicare il sistema dell’ottimismo, e ci viene dimostrato che questo è il migliore dei mondi possibili. L’assurdità è palese.

Crediti
 • Arthur Schopenhauer •
 • Il mondo come volontà e rappresentazione •
 • Pinterest • Henri Cartier-Bresson Siena • 1953 •

Similari
 ⋯ Il caso Nietzsche
382% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Friedrich NietzscheUn nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
171% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯
 ⋯ Che cos’è l’uomo
105% ArticoliFilosofiaJózef Maria Bocheński
Rifletteremo ora sull’uomo. A suo riguardo i problemi filosofici sono così numerosi, che ora non è possibile nominarli tutti. La nostra meditazione si riferirà perciò necessariamente solo ad alcuni di essi. Prima di tutto, con i grandi pensatori del passa⋯
 ⋯ Arricchire la visione del mondo
88% Adolfo Vásquez RoccaArticoliFilosofia
Negli studi di Derrida e di Ricoeur intorno alla metafora e all’interpretazione, appena si cita Nietzsche, tutto quanto si pensa, si pensa partendo da lui. L’influenza che il pensiero di questo filosofo ha prodotto nella mentalità dell’Occidente è così gr⋯
 ⋯ Perché le cose hanno contorni?
75% ArticoliFilosofiaMaria RocchiRoberto Bertilaccio
Materiali per una riflessione sul “contesto” in Gregory Bateson P: C’era una volta un artista molto arrabbiato che scribacchiava cose di ogni genere, e dopo la sua morte guardarono nei suoi quaderni e videro che in un posto aveva scritto: ‘I savi vedono i⋯
⋯ Thomas Dodd ⋯«Il normale e il patologico» …la cultura e l’errore
66% ArticoliFilosofiaPiero Dominici
Un’anomalia non è un’anomalia. La diversità non significa malattia. Successore di Gaston Bachelard sulla cattedra di storia e filosofia delle scienze alla Sorbona, Georges Canguilhelm può essere considerato il fondatore di un’epistemologia storica che gra⋯