I beni economici

 ⋯ Per soddisfare i bisogni umani, è necessario produrre beni economici da distribuire nella società. Le persone soddisfano i loro bisogni consumando beni e servizi. I primi, i beni, sono materiali: vestiti, cibo, elettrodomestici, automobili; mentre i servizi che sono prestazioni alle persone come la ⋯

Il buonsenso degli uomini

Egon Schiele ⋯ La tecnologia corre, mentre il senso civico, il rispetto, il buonsenso degli uomini camminano. A volte pure all’indietro. ⋯

Patri-mon-io

 ⋯  ⋯

Il giornale ti dice ben poco

 ⋯
Storia di che cosa succede a chi riflette sulle cose. In genere oggi la situazione è tale che leggendo ciò che viene pubblicato si scopre che cosa la gente immagini di pensare; leggendo oggi un giornale si deve concludere su che cosa succede nel ⋯

Il vento del cambiamento

Egon Schiele ⋯ Store room Quando soffia il vento del cambiamento, alcuni costruiscono dei ripari ed altri costruiscono dei mulini a vento. ⋯

Tre cose contano

Egon Schiele ⋯ Liegendes junges Madehen halbakt
Alla fine solo tre cose contano: quanto hai amato, come gentilmente hai vissuto e con quanta grazia hai lasciato andare cose non destinate a te. ⋯

Pregiudizi religiosi negli USA

 ⋯
L’origine della specie“, fu fonte di aspre controversie alla sua prima apparizione, poiché, contraddiceva le allora diffuse teorie “scientifiche“, di un intervento divino, diretto sulla natura e contrastava con la Creazione, vista secondo interpretazione letterale del libro della Genesi. Sebbene ⋯

La creazione di Enkidu

 ⋯
Così la dea concepì nella sua mente un’immagine, ed era fatta della sostanza di Anu del firmamento. Nell’acqua immerse le mani, trasse un pizzico di argilla, lo lasciò cadere nella landa deserta e fu creato il nobile Enkidu. C’era in lui la virtù del ⋯

Carta dei Doveri Umani

  ⋯  ⋯

La vita come intermezzo

 ⋯
Il nomade ha un territorio, segue sentieri abituali, va da un punto ad un altro, non ignora i punti (punto d’acqua, di abitazione, di assemblea, ecc.). Ma la domanda è se solo è un principio o una conseguenza della vita nomade. In primo luogo, ⋯

Targa con due scritte

 ⋯ Ivanovič Gurdjieff ha vissuto in un monastero nascosto a Bukara per almeno sei anni.
Lì imparò molte tecniche dalla scuola Sufi. Una di queste tecniche è ancora usata ed è che quando qualcuno entra nel monastero e diventa discepolo, gli viene data una targa ⋯

Mistero della sua paternità

 ⋯ L’UNESCO afferma che la città scomparsa che ha realizzato questi dipinti abitava l’area tra gli anni 100 a.C. C. e 1300 d. C., ma ora si ritiene che queste opere possano avere fino a otto millenni di antichità. La verità è che il ⋯

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi