Arthur Rimbaud

La lettera del veggente

Egon Schiele ⋯ The artist sister, Melanie
Ho stabilito di offrirle un’ora di letteratura nuova; e cominciamo subito con un salmo d’attualità: Dico che bisogna essere veggente, farsi veggente.
l Poeta si fa veggente mediante un lungo, immenso e ragionato sregolarsi di tutti i sensi. Tutte le forme d’amore, di sofferenza, ⋯

Meschine chimere

 ⋯
…Non possiamo sapere! – Siamo oppressi
Da pesante ignoranza e meschine chimere!
Scimmie d’uomini, cadute dalla vulva materna,
La pallida ragione ci sottrae l’infinito… ⋯

La bianca Ofelia

⋯ John Everett ⋯
Sull’onda calma e nera dove le stelle dormono
fluttua la bianca Ofelia come un gran giglio, fluttua
lentissima, distesa sopra i suoi lunghi veli…
– S’odono da lontano, nei boschi, hallalì.
Da mille anni e più la dolorosa Ofelia
passa, fantasma bianco, sul lungo ⋯

Incapacità di accettare la vita

Egon Schiele ⋯ La difficoltà più grande per lui rimase l’incapacità di accettare la vita così com’era. ⋯

Fissavo delle vertigini

Jean-Louis Forain ⋯ Arthur Rimbaud Scrivevo dei silenzi, delle notti, annotavo l’inesprimibile. Fissavo delle vertigini. ⋯

L’Eternità

Egon Schiele ⋯ Ragazza in piedi con vestito rosso
È ritrovata.
Che cosa? L’Eternità.
È il mare andato via
Col sole. Anima sentinella,
Mormoriamo la confessione
Della notte così nulla
E del giorno di fuoco. Dagli umani suffragi,
Dai comuni slanci
Lì tu ti liberi
E voli a seconda. Poiché soltanto da voi, ⋯

L’IO è un altro

 ⋯
Tanto peggio per il pezzo di legno che si ritrova violino, e dannazione agli incoscienti, che argomentano su quello che ignorano del tutto! ⋯

Un bacio senza fine!

 ⋯
Se tornassero i tempi, i tempi passati! Perché l’uomo è finito! Ormai ha recitato tutti i ruoli! Nel gran giorno, stanco d’infranger idoli, risorgerà, libero da tutti i suoi Dei, e scruterà quei cieli ai quali egli appartiene! L’ideale, il pensiero invincibile, eterno, tutto; ⋯

Debolezza del cervello

Egon Schiele ⋯ La morale è la debolezza del cervello. ⋯

Democrazia

 ⋯
La bandiera avanza verso il paesaggio immondo e il nostro gergo soffoca il tamburo.
Nei centri alimenteremo la più cinica prostituzione. Massacreremo le rivolte logiche.
Nei paesi pepati e inzuppati! – al servizio dei più mostruosi sfruttamenti industriali o militari.
Arrivederci qui, in qualsiasi ⋯

La mia entropia

Egon Schiele ⋯ Finii per trovare sacro il disordine del mio spirito. ⋯

Ho trovato l’eternità

Egon Schiele ⋯ Reclining Boy Ho trovato l’eternità: è il Sole in comunione con il Mare. ⋯

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi