Carl Gustav Jung

È stato uno psichiatra, psicoanalista e antropologo svizzero. La sua tecnica e teoria, di derivazione psicoanalitica, è chiamata “psicologia analitica” o “psicologia del profondo”, raramente “psicologia complessa”. Inizialmente vicino alle concezioni di Sigmund Freud, se ne allontanò nel 1913, dopo un processo di differenziazione concettuale culminato con la pubblicazione, nel 1912, di La libido: simboli e trasformazioni. In questo libro egli esponeva il suo orientamento, ampliando la ricerca analitica dalla storia del singolo alla storia della collettività umana. C’è un inconscio collettivo che si esprime negli archetipi, oltre a un inconscio individuale. La vita dell’individuo è vista come un percorso, chiamato processo di individuazione, di realizzazione del sé personale a confronto con l’inconscio individuale e collettivo. In Italia l’orientamento junghiano della psicoanalisi è stato introdotto da Ernst Bernhard. Fonte: Le-citazioni.it

Punto di vista

Egon Schiele ⋯ Melanie Schiele
La ragione per cui diciamo che tutto è bianco, o siamo convinti che tutto sia nero, è quella di disporre di un punto di vista. Ne abbiamo bisogno, perché siamo abitati da pensieri diversi, i quali affermano che quanto chiamiamo bianco in realtà è ⋯

Condurre un dialogo interiore

Egon Schiele ⋯ Self portrait Nella stessa misura in cui non accetta l’altro, l’uomo non riconosce il diritto all’esistenza all’altro che è in lui, e viceversa. La capacità di condurre un dialogo interiore è una pietra di paragone per l’obiettività esterna. ⋯

Accettare ed accogliere

Egon Schiele ⋯ Forse il vero grande segreto è guardare le cose senza intervenire. Osservare le emozioni dentro di noi senza giudizio, senza sforzo, senza tentare di combatterle o reprimerle. Una cosa per noi inconcepibile. Ci hanno insegnato ad affrontare i problemi, a combattere e agire, ma ⋯

Guardare e tacere

Egon Schiele  ⋯ Ritratto di donna in lutto
Piuttosto che mettersi a confronto con i propri lati scuri, si preferisce accontentarsi dell’illusione della propria rettitudine morale. Non ti accorgi che l’Altro è anche dentro di te. Pensi invece che venga in qualche modo da fuori e ritieni di scorgerlo anche nelle opinioni ⋯

Tutte le forme si logorano

Egon Schiele ⋯ Muther und kind
Ogni cosa invecchia, ogni bellezza appassisce, ogni colore si raffredda, ogni luminosità si affievolisce, e ogni verità diventa stantia e banale. Perché tutte queste cose hanno assunto una forma, e tutte le forme si logorano con l’usura del tempo; invecchiano, si ammalano, si frantumano ⋯

Voragine dei conflitti

Egon Schiele ⋯ Ritratto di Getti Ciò che respingo lo accolgo in me pur senza accorgermene. Ciò che accetto finisce nella parte della mia anima a me nota; ciò che rifiuto va nella parte della mia anima che non conosco. Quello che accetto lo faccio io stesso, quello che rifiuto ⋯

Aprire gli occhi

Egon Schiele ⋯ La vostra visione diventerà chiara solo quando guarderete nel vostro cuore.
Chi guarda all’esterno, sogna.
Chi guarda all’interno, apre gli occhi. ⋯

Formazione d’una teoria

 ⋯
In generale l’intelligenza e il grado d’istruzione del paziente hanno un’importanza considerevole per la prognosi. In casi di episodi acuti in via di remissione e nello stadio iniziale sembra a me che abbia molto valore una discussione chiarificatrice dei sintomi, specialmente del contenuto psicotico. ⋯

Illusione incorporea

Egon Schiele ⋯ Non credere mai a tutto quello che ti racconti. ⋯

Mio Io, sei un barbaro

Egon Schiele ⋯
Voglio vivere con te; pertanto, io ti portero attraverso un inferno completamente medievale, fino a quando non sarai in grado di vivere con te stesso in modo sopportabile. Tuo devi essere il vaso e il ventre della vita, pertanto vado a purificarti. Il criterio ⋯

Concezione primitiva del mondo

 ⋯
Molti scienziati evitano di formarsi una concezione del mondo perché questo non sarebbe scientifico. Essi, evidentemente, non vedono chiaramente i risultati del loro modo di agire. In realtà lasciano volontariamente calare le tenebre sulle loro idee direttrici, ossia essi restano a un grado di ⋯

Ciò che vi è di più prelibato

Egon Schiele ⋯ Che il tuo desiderio trovi soddisfazione in te stesso. Che la tua brama ti consumi, così essa si stancherà e si acquieterà e tu farai un buon sonno e considererai un bene il sole di ogni giorno. Se invece divorerai altri e altre cose ⋯

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi