Egon Schiele

Personalità sensibile e inquieta, aderì alle regole formali della secessione viennese, ma successivamente elaborò una personale linea figurativa, sciolta ed essenziale, la cui cifra stilistica è costituita da una secondarietà del colore rispetto al nero, dalle forme spezzate e da una acuta indagine sul corpo umano come approdo ai paesaggi interiori della psiche. …altre info

Vibrazioni della mia luce astrale

Egon Schiele ⋯ Portrait of Poldi Lodzinsky
Se intendo conoscermi interamente dovrò leggere in me stesso, dovrò sapere ciò che voglio, non soltanto quello che succede in me, bensì fino a che punto sono capace di vedere di che mezzi dispongo, di quali sostanze misteriose, di quanto di ciò che conosco, ⋯

Cosa non potrei fare per te!

Egon Schiele ⋯ Prigione di Neulengbach
Finalmente! – Finalmente! – Finalmente! – finalmente la pena è alleviata! Finalmente carta, matita, pennelli, colori, per disegnare e per scrivere. Strazianti sono state queste ore selvagge, disordinate, terribili, queste ore indistinte, informi, monotone, totalmente grigie, che ho dovuto trascorrere come un animale, spogliato, ⋯

La vita non è essere famosi

Egon Schiele ⋯ La fama è un gioco di mediocrità… A cui non voglio prender parte… Perché la vita é qualcosa di un po più grande. ⋯

Ero innamorato di tutto

Egon Schiele ⋯ Ritratto di Johann Harms
Ho voluto guardare con amore la gente così arrabbiata che i loro occhi sarebbero stati costretti a rispondere; e ho voluto portare doni agli invidiosi e dire loro che io sono senza valore. ⋯

Un ragionamento assurdo. Il suicidio filosofico

Egon Schiele ⋯
«Le cose non vengono spiegate da una sola, ma da tutte insieme; nel che non scorgo alcuna differenza»
[…] la fenomenologia si rifiuta di spiegare il mondo, e vuol essere soltanto una descrizione del vissuto. Nella sua affermazione iniziale che non vi ⋯

Anch’io amo – tutti

Egon Schiele ⋯
Io esisto per me e per coloro ai quali l’inestinguibile sete di libertà che ho in me dona tutto, ed esisto anche per tutti, perché amo – anch’io amo – tutti. Sono il più nobile tra gli spiriti nobili – e quello che più ⋯

Scontro con l’incomprensione

Egon Schiele ⋯
Essere artista equivale a declinare la propria appartenenza d’elezione alla schiera del superominismo della fragilità. Laddove la fede strenua, incrollabile nell’urgenza creativa delle proprie opere, nell’impossibilità (spesso mista all’incredulità) a credere che la propria arte non sia quantomeno necessaria si scontra con ⋯

La soave bellezza

Egon Schiele ⋯ The artist's sister, Melanie Gli artisti sono coloro che sanno risvegliare l’anima intorpidita con violenta, soave bellezza. ⋯

La memoria che respiro

Egon Schiele ⋯ Autunno sole e gli alberi
Posseggo quello che ricordo di te
Il tuo profumo si espande ancora al mio interno
Ma altro non è
Che il mio pensiero
Che corre pazzo e più veloce del tempo
Lampi di luce negli occhi in cui ero abituato ad entrare
Durante i ⋯

Vivo di immagini

Egon Schiele ⋯
Vivo di immagini, che spesso mutano, anche se prima devono perseguitarmi per un tempo che pare infinito.
Ho descritto tante visioni e ho buttato ripetutamente nel secchio fogli su fogli.
Il problema è che non tutto si può dire e quello che non si ⋯

Siamo pennelli

Egon Schiele ⋯ Siamo pennelli. I colori, le emozioni, anche i tratti più neri… fanno parte di bellissimi disegni. ⋯

Estremi

Egon Schiele ⋯ Doppio autoritratto
Estremi di uno stesso essere
fratelli inscindibili
senza possibilità alcuna
di pretendere una strada diversa
divieto assoluto di amare se stesso più dell’altro da sé
divieto assoluto come unica legge
creata ed odiata
per non cadere nell’inganno di scappare lontano
creata ed odiata
per ⋯

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi