Frida Kahlo

Simbolo di ermafroditismo

Giorgio de Chirico ⋯ «La tua sessualità è ambigua, si legge nei tuoi quadri», a volte mi è stato detto. Credo che alludessero alle opere in cui il mio viso ha tratti mascolini, o ad alcuni particolari: in un tale quadro, to’, c’è una lumaca, simbolo ⋯

L’amore include tutto

Egon Schiele ⋯ Wally in red blouse ⋯

Assenza, più acuta presenza

Egon Schiele ⋯ Chestnut Tree at Lake Constance
La mia notte mi precipita nella tua assenza.
Ti cerco, cerco il tuo corpo immenso vicino al mio, il tuo respiro, il tuo odore.
La mia notte mi risponde: vuoto; la mia notte mi dà freddo e solitudine. Cerco un punto di contatto: la ⋯

Vita oscena

Frida Kahlo La morte può essere crudele, ingiusta, traditrice…
Ma solo la vita riesce a essere oscena, indegna, umiliante. ⋯

Tutto esce sempre da se stessi

Egon Schiele ⋯ Winter Road
È necessario che le nuvole fuoriescano anche dalla cornice. Tutto esce sempre da se stessi: il sangue, le lacrime, le nuvole, la vita stessa. ⋯

Canoni imprevisti

 ⋯ Non ci sono canoni o bellezze regolari, armonie esteriori, ma tuoni e temporali devastanti che portano ad illuminare un fiore, nascosto, di struggente bellezza. ⋯

Coerenza del sé

 ⋯
La tristezza è ritratta
in tutti i miei lavori
ma è la mia condizione
e non c’è più rimedio. ⋯

Assurdo ed effimero

Egon Schiele ⋯ Semi Nude in Black Stockings and Blue Jacket Cosa farei senza l’assurdo e l’effimero? ⋯

Siamo tutti strani

 ⋯
Ero solita pensare di essere la persona più strana del mondo ma poi ho pensato, ci sono così tante persone nel mondo, ci deve essere qualcuna proprio come me, che si sente bizzarra e difettosa nello stesso modo in cui mi sento io. Vorrei ⋯

Sono nata pittrice

Egon Schiele ⋯
Non me ne frega niente di quello che pensa il mondo. Sono nata puttana. Sono nata pittrice. Sono nata fottuta. Ma sono stata felice sulla mia strada. Tu non capisci quello che sono. Io sono amore. Io sono piacere, sono essenza. Sono un’idiota. Sono ⋯

Soprattutto, riderei di me

Egon Schiele ⋯ Portrair of Gerti Schiele
Vorrei essere ciò che ho voglia di essere
dietro il sipario della follia:
mi occuperei dei fiori per tutto il giorno;
dipingerei il dolore,
l’amore e la tenerezza,
riderei di tutto cuore dell’idiozia degli altri
e tutti direbbero: poverina, è matta.
Soprattutto, riderei di ⋯

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi