Friedrich Nietzsche

Pensatore che ha condizionato il corso di gran parte dell’Ottocento e sicuramente di tutto il Novecento, Friedrich Wilhelm Nietzsche nasce il 15 ottobre 1844 in un piccolo villaggio della Sassonia prussiana. Figlio di un pastore protestante, il piccolo Friedrich viene cresciuto in un’atmosfera carica di sentimento religioso, seppur stemperato dalla mitezza tipica dell’approccio riformato.

Morire così

 ⋯
Morire così,
come un giorno lo vidi morire –,
l’amico, che saette e sguardi divinamente gettò
nella mia oscura giovinezza.
Sventato e profondo,
danzatore nella battaglia –,
tra guerrieri il più sereno,
tra vincitori il più arduo,
un destino ritto sul suo destino,
duro, ⋯

La cosa in assoluto migliore

Baco e Sileno
L’antico mito racconta di come il re Mida abbia dato la caccia per molto tempo al saggio Sileno, il seguace di Dioniso, senza prenderlo. Quando infine gli cadde tra le mani, il re chiese quale fosse la cosa in assoluto migliore e maggiormente ⋯

Incoraggiamento

Egon Schiele ⋯  ⋯

A che vivi?

 ⋯ Gli uomini vanno facendo mostra orgogliosa di sé in cento maschere come giovani, uomini adulti, vecchi, padri, cittadini, preti, funzionari, mercanti, assiduamente preoccupati della loro commedia comune e niente affatto di sé. Alla domanda: a che vivi? essi risponderebbero rapidamente e con orgoglio: “ ⋯

Il nuovo brivido

Denis Sarazhin
L’uomo moderno crede sperimentalmente ora a questo ora a quel valore, per poi lasciarlo cadere. Il circolo dei valori superati e lasciati cadere è sempre più vasto. Si avverte sempre più il vuoto e la povertà di valore. Il movimento è inarrestabile, sebbene si ⋯

Ammirare e disprezzare

⋯  ⋯
Un saggio chiese a un pazzo quale fosse la strada per la felicità.
Senz’indugio, come uno cui fosse richiesta la strada per la città più vicina, costui rispose: «Ammira te stesso e vivi per le strade!».
«Basta,» esclamò il saggio «tu pretendi troppo, mi ⋯

Io son solo pesante

⋯ Lauren Semivan ⋯
Uno studioso io? Oh, risparmiate questa parola!
Io son solo pesante — tante libbre!
Io cado, cado continuamente
E infine giungo al fondo. ⋯

Sarò io a soffiar su me stesso

Egon Schiele ⋯
Le tempeste sono il mio pericolo: avrò la mia tempesta che mi farà perire come Oliver Cromwell perì nella sua?
O mi consumerò come una candela che non è già il vento a spegnere col suo soffio, ma che si è stancata di se ⋯

Non sono abbastanza forte per il nord

⋯  ⋯ Non sono abbastanza forte per il nord: là imperversano gli spiriti pedanti ed artefatti, che non sanno fare altro che lavorare alle norme della convenienza, come il castoro alla sua costruzione. Ho vissuto tutta la mia gioventù fra gente simile! Mi è venuto in ⋯

Dieci verità al giorno devi trovare

 Žarko Bašeski
Dieci volte al giorno devi superare te stesso: ciò procura una buona stanchezza ed è papavero per l’anima. Dieci volte devi riconciliarti con te stesso: perché superarsi è amarezza, e dorme male chi non si è riconciliato. Dieci verità al giorno devi trovare; altrimenti ⋯

Uomo e donna

⋯ John Singer Sargent ⋯ «Prenditi la donna per cui batte il tuo cuore!»
Ciò pensa l’uomo; la donna non prende, ruba. ⋯

Dialogo

⋯ Rodney Smith ⋯ A. Sono guarito? Ero malato?
E il mio medico, chi è stato?
Oh, come tutto ciò ho dimenticato!
B. Adesso sol ti credo risanato:
Ché sano è sol chi ha dimenticato. ⋯

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi