Jacques Lacan

È stato uno psichiatra e filosofo francese nonché uno dei maggiori psicoanalisti. Studia medicina, si specializza poi in psichiatria alla scuola di G. Clérambault. Si laurea nel 1932 con una tesi su “La psicosi paranoica nei suoi rapporti con la personalità”. In seguito è anche allievo del filosofo Alexandre Kojève, che lo ha influenzato soprattutto nella prima parte della sua elaborazione. – Wikipedia

Grande errore di sempre

Egon Schiele ⋯ Ecco il grande errore di sempre: immaginarsi che gli esseri pensino ciò che dicono. ⋯

Il collettivo non è niente

⋯ Arnold Bocklin ⋯ Il collettivo non è niente – il collettivo non è nient’altro che il soggetto dell’individuale. ⋯

Aspirazione rivoluzionaria

⋯ Anke Merzbach ⋯ L’aspirazione rivoluzionaria ha una sola possibilità, quella di portare, sempre, al discorso del padrone. E ciò di cui l’esperienza ha dato prova. Ciò a cui aspirate, come rivoluzionari, è un padrone. L’avrete. ⋯

Non prendere il discorso interiore

Egon Schiele ⋯ Un soggetto normale è essenzialmente uno che si mette nella posizione di non prendere sul serio la maggior parte del proprio discorso interiore. ⋯

Desiderio dell’altro

 ⋯ Alex Andreyev ⋯
Il desiderio dell’uomo trova il suo senso nel desiderio dell’altro, non tanto perché l’altro detenga le chiavi dell’oggetto desiderato, quanto perché il suo primo oggetto è di essere riconosciuto dall’altro. ⋯

Pudore originario

Egon Schiele  ⋯ Nudo virile Il sapere si rifugia da qualche parte in questo posto che chiamiamo pudore originale, in rapporto a tutto quel sapere istituito in un orrore insuperabile nei confronti di questo posto dove si trova il segreto del sesso. ⋯

Associazioni libere

Egon Schiele ⋯ Nached boy lying on a patterner blankett I nostri atti mancati sono atti che riescono, le nostre parole che inciampano sono parole che confessano. Quelli, queste, rivelano una verità che sta dietro. All’interno delle cosiddette associazioni libere, delle immagini del sogno, dei sintomi, si manifesta una parola che apporta la verità. ⋯

Il sapere è un enigma

Egon Schiele ⋯
Questo enigma ci viene reso presente dall’inconscio quale si è rivelato attraverso il discorso analitico. Esso si enuncia così: per l’essere parlante il sapere è ciò che si articola. Si sarebbe potuti accorgersene da un bel pezzo, dal momento che, nel tracciare le vie ⋯

Purezza del Non-Essere

Egon Schiele  ⋯ Che sono io? Io sono nel posto da cui si vocifera che «l’universo è un difetto nella purezza del Non-Essere» ⋯

Disagio del desiderio

Egon Schiele ⋯ Lyric poet Non c’è altro disagio della civiltà che il disagio del desiderio. ⋯

Un senso è un ordine che sorge

 ⋯
La vita è questo – una deviazione, un’ostinata deviazione, per se stessa caduca e sprovvista di senso. Perché, in quel punto delle sue manifestazioni che si chiama l’uomo, si produce qualcosa che insiste durante questa vita, che si chiama un senso? Lo chiamiamo umano ⋯

Corpo di regole

⋯ Nicola Samorì ⋯
Quel che si chiama logica o diritto non è mai niente di più che un corpo di regole che furono laboriosamente combinate in un momento della storia debitamente datato e situato da un sigillo d’origine, agorà o foro, chiesa oppure partito. Dunque non spererò ⋯

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi