Jorge Luis Borges

Jorge Luis Borges nacque il 24 Agosto 1899 a Buenos Aires, in Argentina. Il primo libro che riuscì a pubblicare fu un volume di poesie. La sua carriera da scrittore, che comprende la pubblicazione di numerosi volumi di saggi e poesie e la fondazione di tre riviste letterarie, si concluse con una biografia. Nel 1938, subì una grave ferita alla testa in seguito ad un grave incidente. Nonostante questo, negli otto anni successivi avrebbe scritto le sue migliori opere di fantasia.

L’unità divina

⋯  ⋯ L’immaginazione è la più scientifica tra le facoltà, poiché è la sola a capire l’analogia universale, o ciò che una religione mistica chiama la corrispondenza. • Charles Baudelaire Come può l’uomo abbracciare la totalità dell’universo? Come può lo scrittore rendere a parole un concetto ⋯

La repubblica degli Immortali

 ⋯
Ammaestrata da un esercizio di secoli, la repubblica degli Immortali aveva raggiunto la perfezione della tolleranza e quasi del disdegno. Essi sapevano che in un tempo infinito ad ogni uomo accadono tutte le cose. […] Nessuno è qualcuno, un solo uomo immortale è tutti ⋯

Allusione alla morte

William Russell Flint ⋯ Le morte Darthur
La morte (o la sua allusione)
rende preziosi e patetici gli uomini.
Questi commuovono per la loro condizione di fantasmi;
ogni atto che compiono può essere l’ultimo;
non c’è volto che non sia sul punto di cancellarsi;
come il volto d’un sogno.
Tutto, tra ⋯

Scrivere per dimenticare

Egon Schiele ⋯ La vecchia mano
ancora scrive versi
per dimenticare. ⋯

Il nostro mondo cambia

Egon Schiele ⋯ Selbstbildnis mit modell Ci sono momenti in cui si deve vivere la propria vita per capire se stessi. Perché si cambia, il nostro mondo cambia, cambiano le cose senza che te ne accorgi, un mattino è come se ti svegliassi dopo i cento anni della Bella Addormentata. ⋯

Sotto la gronda

Egon Schiele ⋯ Sotto la gronda
lo specchio non riflette
più che la luna. ⋯

L’oziosa spada

Egon Schiele ⋯ L’oziosa spada
sogna le sue battaglie.
Altro è il mio sogno. ⋯

Astensione

Egon Schiele ⋯ Da quel giorno
non ho toccato i pezzi
sulla scacchiera. ⋯

Il tuo ricordo

Egon Schiele ⋯ Oggi non ride
il mandorlo dell’orto.
È il tuo ricordo. ⋯

Sogni perduti

Egon Schiele ⋯ Esiste o no
il sogno che smarrii
prima dell’alba? ⋯

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi