Oley Opricaso
Vi leggo quel che le foglie
recano già scritto in sé,
nelle intricate nervature
simili a vene sul dorso della mano
o linee incise nel palmo.
Il mio sguardo, che segue
il biforcarsi di vie segrete,
coglie ad incroci turgidi di linfa
i nodi ⋯