Libero da tutte le cose

Van Gogh ⋯ Sulla soglia dell'eternità
Quando ero nella mia causa prima, non avevo alcun Dio, e là ero causa di me stesso. Nulla volevo, nulla desideravo, perché ero un puro essere, che conosceva se stesso nella gioia della verità. Allora volevo me stesso e niente altro; ciò che volevo, ⋯

Chi soffre per amore non soffre affatto

Egon Schiele ⋯
Dico di più: finché è nel corpo l’uomo può giungere al punto di dimenticare tutte le sue fatiche, tanto da non pensarci più.
Ma dico ancora di più: il soffrire è soffrire, ed è davvero gravoso a chi non soffre per amore. Ma chi ⋯

La via del distacco

Egon Schiele ⋯ Il venerabile confessore va allora a cercare la figlia […] «Dimmi: che cosa, a tuo avviso, ti ha meglio predisposta alla verità eterna?»
«È l’essermi distaccata, sempre e non appena io abbia avuto la percezione di me stessa.» ⋯

Dio ci attende al varco

Egon Schiele ⋯
Dio ci attende al varco soprattutto con l’amore […]: colui che ne è preso porta il legame più forte, e tuttavia è un dolce peso. Chi ha preso su di sé questo dolce peso, procederà e penetrerà verso la sua meta […]. Sopporterà e ⋯

Due immagini trasformate in una

Egon Schiele ⋯ Seated man
Mentre l’anima diviene più pura, più nuda e più povera, e possiede meno cose create, e si svuota di tutte le cose che non sono Dio, riceve Dio con maggior purezza, ed è in Lui più completamente; e con Dio diviene veramente una cosa ⋯

La voce chiama nel deserto

Egon Schiele ⋯ Poiché tu hai rinunciato a te stesso […], Dio deve entrare interamente nell’essere tuo e nelle tue facoltà: poiché tu ti sei spogliato di tutto ciò che ti apparteneva e hai fatto di te un deserto — come è scritto: «La voce chiama  ⋯

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi