È uno scrittore, poeta, saggista e drammaturgo francese di origine cecoslovacca, assurto prepotentemente alla notorietà nell’Italia del riflusso negli anni ottanta del XX secolo per il suo romanzo L’insostenibile leggerezza dell’essere. Fonte: Le-citazioni.it

La Lentezza

 ⋯
C’è un legame segreto fra lentezza e memoria, fra velocità e oblio. Prendiamo una situazione delle più banali: un uomo cammina per la strada.
A un tratto cerca di ricordare qualcosa, che però gli sfugge. Allora, istintivamente, rallenta il passo. Chi invece vuole dimenticare ⋯

Ma che cosa sono la bellezza o la bruttezza?

Egon Schiele ⋯
Ma che cosa sono la bellezza o la bruttezza di fronte all’amore? Cos’è la bruttezza di un viso di fronte al sentimento nella cui grandezza si rispecchia l’assoluto stesso? ⋯

Il caso è pieno di magia

Egon Schiele ⋯
Non certo la necessità, bensì il caso è pieno di magia. Se l’amore deve essere indimenticabile, fin dal primo istante devono posarsi su di esso le coincidenze, come uccelli sulle spalle di Francesco d’Assisi. ⋯

Un mondo a misura d’uomo

Egon Schiele ⋯
Immaginiamo di vivere per qualche istante all’interno di un mondo che va a rallentatore. Nella normalissima passeggiata quotidiana, che ci porta da casa alle attività di ogni giorno, calati in una tediosa, soporifera routine di movimenti, orari e scorci, all’improvviso ci accorgiamo che i ⋯

L’essenza della vita

Edgar Degas ⋯
L’insignificanza, amico mio, è l’essenza della vita. È con noi ovunque e sempre. È presente anche dove nessuno la vuole vedere: negli orrori, nelle battaglie cruente, nelle peggiori sciagure. Occorre spesso coraggio per riconoscerla in situazioni tanto drammatiche e per chiamarla con il suo ⋯

Cercare la causa nella nostra idea

 ⋯
«Quello che noi sappiamo […] è, in ogni caso, di gran lunga insufficiente a quello che noi dobbiamo spiegare»
Giacché tutte queste questioni concernono un oggetto che non può esser dato altrove che nel nostro pensiero, cioè la totalità assolutamente incondizionata della ⋯

Felice di essere con te

Egon Schiele  ⋯  Kneeling girl
Aveva un desiderio terribile di dirgli, come la più banale delle donne: non lasciarmi, tienimi con te, dòmami, soggiògami, sìi forte! Ma erano parole che non poteva né sapeva pronunciare. Quando l’ebbe sciolto dall’abbraccio, disse soltanto: – Come sono felice di essere con te ⋯

L’oblio del presente

 ⋯
La nostra epoca è ossessionata dal desiderio di dimenticare, ed è per realizzare tale desiderio che si abbandona al demone della velocità; se accelera il passo è perché vuoi farci capire che ormai non aspira più a essere ricordata; che è stanca di se ⋯

Riconoscere la bellezza

Egon Schiele Esiste una certa piacevolezza esteriore della donna che il gusto provinciale considera a torto come bellezza. E poi esiste la vera bellezza erotica della donna. E riconoscere questa bellezza a un semplice sguardo non è certo cosa da poco. È un’arte. ⋯

Vertigine continua

Egon Schiele ⋯
C’era in lei un irresistibile desiderio di cadere.
Viveva in una vertigine continua.
Desiderava fare qualcosa che non lasciasse possibilità di ritorno. ⋯

Desiderio di stima

Egon Schiele ⋯ L’erotismo non è soltanto desiderio di un corpo, ma in egual misura anche desiderio di stima. Il partner che avete conquistato, che vi desidera e vi ama, rappresenta il vostro specchio, la misura di ciò che siete e di ciò che valete. ⋯

Solo le domande più ingenue sono veramente serie

 ⋯ Bill Gekas ⋯ Sono domande per le quali non esiste risposta. Una domanda per la quale non esiste risposta è una barriera oltre la quale non è possibile andare. ⋯

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi