Octavio Paz

Di un corpo un’anima

Safet Zec  ⋯
Amarsi è…
fare di un’anima un corpo
di un corpo un’anima
di una presenza… Te. ⋯

L’altro

⋯ Berit Hildre ⋯
S’inventò un volto.
Dietro di esso,
molte volte
visse, morì e risuscitò.
Oggi il suo volto
ha le rughe di quel volto.
Le sue rughe non hanno volto. ⋯

La mia vita non pesa

 ⋯ Michal Mozolewski ⋯
Quest’ora ha la forma di una pausa
La pausa ha la tua forma
Tu hai la forma di una fontana
non d’acqua ma di tempo
In cima allo zampillo della fonte
saltano i miei pezzi:
fui sono non sono ancora
La mia vita non ⋯

Vivere la morte

Stefania Santarcangelo  ⋯ La morte viveva in me e mi abbandonò per andare a vivere in un altro corpo. ⋯

Labirinti da incubo

  ⋯ L’uomo moderno ama pretendere che il suo pensiero sia sveglio. Ma questo pensiero sveglio ci ha portato nei labirinti di un incubo in cui le camere di tortura sono infinitamente ripetute negli specchietti della ragione. ⋯

La natura delle parole

Egon Schiele ⋯ Portrait of Heinrich Benesch
Un’opera poetica pura non potrebbe esser fatta di parole e sarebbe, letteralmente, indicibile. Nello stesso tempo un’opera poetica che non lottasse contro la natura delle parole, obbligandole ad andare oltre se stesse e oltre i loro significati relativi, un’opera poetica che non cercasse di ⋯

Un fare che è un dire

⋯ Jeremy Lipking ⋯
Tra ciò che vedo e dico,
tra ciò che dico e taccio,
tra ciò che taccio e sogno,
tra ciò che sogno e scordo,
la poesia.
Scivola tra il sì e il no:
dice ciò che taccio,
tace ciò che dico,
sogna ciò che ⋯

Soffio di presente

Stefania Santarcangelo  ⋯ La memoria non è ciò che ricordiamo, ma ciò che ci ricorda. La memoria è un presente che non finisce mai di passare. ⋯

La notte è oceano

Mark Kostabi ⋯ Due corpi, uno di fronte all’altro,
sono a volte due onde
e la notte è oceano.
Due corpi, uno di fronte all’altro,
sono a volte due pietre
e la notte deserto.
Due corpi, uno di fronte all’altro,
sono a volte radici
nella notte intrecciate. ⋯

Poeta transitivo

Daniele Cascone ⋯ Ogni lettore è un altro poeta; ogni testo poetico, un altro testo. Aperto o chiuso, il testo esige l’abolizione del poeta che lo scrive e la nascita del poeta che lo legge. ⋯

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi