È stato un saggista, critico letterario, linguista e semiologo francese, fra i maggiori esponenti della nuova critica francese di orientamento strutturalista.Fonte: Le-citazioni.it

Godimento intransitivo

⋯ Monika Ekiert Jezusek ⋯
Il testo di godimento è assolutamente intransitivo. Pure, la perversione non basta a definire il godimento; è l’estremo della perversione a definirlo: estremo sempre spostato, estremo vuoto, mobile, imprevedibile. Questo estremo garantisce il godimento: una perversione media si carica ben presto di un gioco ⋯

Sostanza chimica impalpabile

⋯ Loui Jover ⋯ La parola è fatta di una sostanza chimica impalpabile che opera le più violente delle alterazioni. ⋯

Abbraccio

Egon Schiele ⋯ Per il soggetto, il gesto dell’abbraccio amoroso sembra realizzare, per un momento, il sogno di unione totale con l’essere amato. ⋯

L’incidente

 ⋯
In Occidente lo specchio è un oggetto per essenza narcisistico: l’uomo non concepisce lo specchio che per guardarvicisi. Ma in Oriente lo specchio è vuoto: è il simbolo del vuoto stesso dei simboli («Lo spirito dell’uomo perfetto – dice un maestro del Tao ⋯

Bellezze effimere

 ⋯
…nulla di speciale, afferma lo haiku conformemente allo spirito zen: l’evento non è classificabile secondo alcuna specie, la sua eccezionalità non approda a nulla; come un ricciolo grazioso, lo haiku s’arrotola su se stesso; la scia del segno che sembra sia stata tracciata, si ⋯

L’illeggibilità della scrittura

 ⋯
Ci sono dei linguisti che s’attengono con aggressività alla sola funzione comunicativa del linguaggio: il linguaggio serve appunto a comunicare. Stesso pregiudizio alligna presso gli archeologi, e gli storici della scrittura: la scrittura, ecco, serve a trasmettere. Eppure costoro sono costretti ad ammettere che, ⋯

La grana della voce

Il trionfo di Pan Il piacere è legato ad una consistenza dell’io, del soggetto, che si rassicura in valori di comfort, di distensione, di agio. All’opposto il godimento è il sistema di lettura, o di enunciazione, attraverso cui il soggetto, invece di consistere, si perde, prova quell’esperienza di ⋯

L’illusione dell’eternità

⋯ Moritz Aust ⋯
La fotografia è inganno perché suggerisce l’illusione dell’eternità. Ma ciò che la fotografia riproduce all’infinito ha avuto luogo una sola volta: essa ripete meccanicamente ciò che non potrà mai più ripetersi nell’esistente. ⋯

La messinscena della distruzione del senso

 ⋯
Tutto è linguaggio, niente sfugge al linguaggio, l’intera società è traversata, penetrata dal linguaggio. Pertanto, in un certo senso, tutto è culturale, ed è impossibile praticare una non-cultura. La cultura è una fatalità a cui siamo condannati. Così, condurre una radicale azione contro-culturale è ⋯

Carattere asociale del godimento

Egon Schiele ⋯
È la perdita brusca della socialità, e tuttavia non ne consegue alcuna ricaduta verso il soggetto (la soggettività), la persona, la solitudine: tutto si perde, integralmente. Fondo estremo della clandestinità, nero di cinema. ⋯

Amore che rimane aperto

Egon Schiele ⋯ Reclining Semi Nude with Red Hat Nel languore amoroso qualcosa se ne va, senza fine; è come se il desiderio non fosse nient’altro che questa emorragia. La fatica amorosa è questo: una fame amorosa che non viene saziata, un amore che rimane aperto. ⋯

Sperduto in questo tessuto

 ⋯
Testo vuol dire Tessuto; ma laddove fin qui si è sempre preso questo tessuto per un prodotto, un velo già fatto dietro al quale, più o meno nascosto, sta il senso (la verità) ⋯

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi