Sergej Esenin

Ospiti di un giardino

Egon Schiele ⋯
Perché io non ho conservato me stesso
Per una vita tranquilla, per i sorrisi.
Così poche le strade percorse,
Così tanti gli errori commessi. Ridicola vita, ridicolo disordine.
Così era prima, così sarà dopo.
Come un cimitero, è seminato il giardino
Di ossa rosicchiate ⋯

I poeti

Egon Schiele ⋯ È per capire tutto e impadronirsi di nulla
Che vengono al mondo i poeti. ⋯

Ecco la mia tragedia!

Egon Schiele ⋯
E non desidero risultato migliore
Che affogare i ricordi nel grido della tempesta.
Perché solo nel disordine trovo la forza
Di vivere su questa terra. ⋯

Il flâneur moscovita

 ⋯
Non sono un malfattore e non ho rapinato nel bosco,
Non ho fucilato degli infelici nelle prigioni.
Sono solo un perdigiorno di strada,
Che sorride alle facce che incontra. Sono uno sfaccendato insolente moscovita.
In tutto il rione Tverskoj
Ogni cane nelle vie e ⋯

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi