Skip to main content

Doppo l’elezzioni

Doppo l’elezzioni
Nun c’era un muro senza un manifesto,
Roma s’era vestita d’Arlecchino;
ogni passo trovavi un attacchino
ch’appiccicava un candidato onesto,
cór programma politico a colori,
pe’ sbarbajà la vista a l’elettori. Promesse in verde, affermazzioni in rosso,
convincimenti in giallo e in ogni idea ⋯

La guerra carestosa

Egon Schiele ⋯
Li tempi so’ cambiati! Anticamente,
che s’addoprava solo l’arma bianca,
la guerra era più nobbile, più franca,
e se faceva a un prezzo conveniente. Ma mó, co’ li cannoni, è diferente:
ce vonno li mijardi! E se te manca
l’appoggio materiale de la Banca, ⋯

La fede

 ⋯
Quela Vecchietta ceca, che incontrai
la notte che me persi in mezzo ar bosco,
me disse: – Se la strada nù la sai,
ti ciaccompagno io, ché la conosco.
Se ciai la forza de venimme appresso,
de tanto in tanto te darò una voce ⋯

Volemo fa’ amicizzia?

 ⋯
Fissato ne l’idea de l’uguajanza
un Gallo scrisse all’Aquila: – Compagna,
siccome te ne stai su la montagna
bisogna che abbolimo ‘sta distanza:
perché nun è né giusto né civile
ch’io stia fra la monnezza d’un cortile,
ma sarebbe più commodo e più bello ⋯