Autunnale barocco
Volare via da me stesso
come un uccello migratore,
da questo roveto, da questo malessere,
da questo perenne dolore.

Crediti
 • Angelo Maria Ripellino •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ Fame essenziale e inestinguibile
66% Emmanuel LevinasFilosofiaSchiele Art
L’amore è caratterizzato da una fame essenziale e inestinguibile. Stringere la mano ad un amico, vuol dire esprimergli la propria amicizia, ma dirgliela come qualcosa di inesprimibile, o meglio ancora, come qualcosa di incompiuto, come un desiderio perman⋯
Egon Schiele ⋯ Self-portrait with spread fingersGiornate moderatamente piacevoli
56% Hermann HesseSchiele Art
Il giorno era trascorso come appunto trascorrono i giorni; lo avevo passato, lo avevo delicatamente ammazzato con la mia timida e primitiva arte di vivere; avevo lavorato alcune ore, sfogliato vecchi libri, avevo avuto per due ore un dolore come capita al⋯
Egon Schiele ⋯ Anton FaistauerPrima del levar del sole
49% FilosofiaFriedrich NietzscheSchiele Art
Oh cielo, su la mia testa! Oh tu puro, profondo abisso di luce! Nel contemplarti fremo di desideri divini. Slanciarmi nelle tue altezze — ecco la mia profondità! Celarmi nella tua purezza — ecco la mia innocenza! Un Dio si vela della propria bellezza: cos⋯
Egon Schiele ⋯ Sitzendes maedchen in unterkleidOpinioni non veraci
47% FilosofiaPlatoneSchiele Art
– Non è dunque così diss’io, ma solo appare dolce allora il riposo rispetto al dolore, e doloroso rispetto al piacere, e queste apparenze non han nulla di verace rispetto alla verità del piacere, ma è piuttosto una specie di inganno. – Or pensi tu che uno⋯
Egon Schiele ⋯ La visita al convalescente
41% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
È il 1976 e la Rivoluzione è stata sconfitta ma noi ancora non lo sappiamo. Abbiamo 22, 23 anni. Io e Mario Santiago camminiamo lungo una strada in bianco e nero. Alla fine della strada, in un palazzo che sembra uscito da un film degli anni Cinquanta c’è ⋯
Egon Schiele ⋯ Lettere magiche
40% Hermann HesseSchiele Art
Io credo, — gli disse un giorno, — che un petalo di fiore o un vermiciattolo sul nostro cammino dica e contenga molto più di tutti i libri dell’intera biblioteca. Con le lettere e con le parole non si può dir nulla. Talvolta scrivo una lettera greca, un t⋯