Avevo vagonate di negatività da rilasciare
Quanto più ringrazi la vita, tanto più la vita sarà generosa con te affinché tu le sia grata. Sono certa di essere divinamente protetta, credo che nella mia vita possa esserci solo il bene e che sono al sicuro. So di essere brava abbastanza e di meritare la felicità. Mi ci sono voluti parecchi anni e molto studio per arrivare fino a qui. Avevo vagonate di negatività da rilasciare.

Sono passata dall’essere una donna amara, spaventata, povera e negativa all’essere una persona sicura di sé che condivide l’abbondanza della vita. Se ci riesco io, puoi farlo anche tu, se solo sei disposta a cambiare modo di pensare. Se solo sapessimo che ciascuna di noi ha sempre al proprio fianco due angeli custodi! Sono qui per soccorrerci e guidarci, ma dobbiamo chiedere aiuto. Ci amano moltissimo e aspettano il nostro richiamo. Impara a connetterti coi tuoi angeli e non ti sentirai mai più sola. Ci sono donne che riescono a vederli, altre ne percepiscono la presenza, altre ancora ne sentono la voce o colgono i loro nomi.

Mi rivolgo ai miei angeli chiamandoli Ragazzi. Sento che sono in due. Quando ho un problema che non so come gestire, mi rivolgo a loro. “Fate voi, Ragazzi. Io non so da che parte girarmi.” Quando accadono cose belle o delle coincidenze nella mia vita, dico subito: Grazie Ragazzi, è stato meraviglioso! Questa volta avete fatto un ottimo lavoro. Lo apprezzo moltissimo. Anche gli angeli amano la gratitudine e la riconoscenza. Sfruttiamo il loro aiuto: è il motivo per cui sono con te. Gli angeli adorano essere d’aiuto!

Inizia a connetterti coi tuoi angeli personali, siediti in un posto tranquillo, chiudi gli occhi, fai qualche respiro profondo e cerca di percepire la loro presenza proprio dietro le spalle, uno a destra e uno a sinistra. Avverti il loro amore e il loro calore. Chiedi loro un segno di riconoscimento. Permetti a te stessa di avvalerti della loro protezione. Chiedi che ti aiutino nella risoluzione di un problema o per avere risposta a una domanda. Potresti percepire immediatamente una connessione oppure potrebbe volerci un po’ di pratica. Ma lascia che ti rassicuri: gli angeli sono proprio lì, accanto a te, e ti amano. Non c’è niente di cui avere paura.

 
Crediti
Similari

 ⋯ Il caso Nietzsche
906%  •  ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯


 ⋯ Sapere di non essere
560%  •  IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯


Gustave Doré ⋯ Elia distrugge i messaggeri di AhaziaCirca la nostra condotta verso noi stessi
507%  •  Arthur SchopenhauerDoré GalleryFilosofia
4.° Il manovale che aiuta a fabbricare un edifizio, non ne conosce il progetto, o non l’ha sempre sotto gli occhi; tale è pure la posizione dell’uomo mentre è occupato a dividere uno per uno i giorni e le ore della sua esistenza in rapporto all’insieme de⋯


 ⋯ L’onore
404%  •  Arthur SchopenhauerFilosofia
La discussione sull’onore sarà molto più difficile e molto più lunga di quella sul grado. Prima di tutto dovremo definirlo. Se a tal uopo dicessi: «L’onore è la coscienza esterna, e la coscienza è l’onore interno», la definizione potrebbe forse piacere a ⋯


 ⋯ Impero, vent’anni
396%  •  Autori VariPolitica
Vent’anni fa, quando è stato pubblicato il nostro libro Impero, i processi economici e culturali della globalizzazione erano al centro della scena: tutti potevano vedere che stava emergendo qualcosa come un nuovo ordine mondiale. Oggi la globalizzazione è⋯


 ⋯ Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
386%  •  ArticoliAutori VariPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯