Biografia di Niccolò Machiavelli
Niccolò Machiavelli (nato a Firenze il 3 maggio 1469 – Deceduto il 21 giugno 1527) è stato un diplomatico italiano, impiegato statale, filosofo politico e scrittore, considerato il padre della scienza politica moderno. Fu anche una figura importante del Rinascimento italiano. Nel 1513 scrisse il suo trattato di dottrina politica intitolato Il principe, pubblicato postumo a Roma nel 1531.
Nasce nel piccolo comune di San Casciano in Val di Pesa, a circa 15 km da Firenze, il 3 maggio 1469, figlio di Bernardo Machiavelli, avvocato appartenente a un ramo impoverito di un’antica e influente famiglia fiorentina, e di Bartolomea di Stefano Nelli, entrambi di famiglie colte e di nobili origini, ma con poche risorse a causa dei debiti del padre.
Tra il 1498 e il 1512 fu responsabile di una carica pubblica e visitò vari tribunali in Francia, Germania e altre città-stato italiane in missioni diplomatiche. Nel 1512 fu imprigionato per un breve periodo a Firenze, e successivamente esiliato e inviato a San Casciano. Morì a Firenze nel 1527 e fu sepolto in Santa Croce.

Biografia
La sua vita potrebbe essere divisa in tre periodi; ognuna di esse rappresenta in sé la storia di Firenze. La sua giovinezza coincise con la grandezza di Firenze come potenza italiana, sotto il mandato di Lorenzo de Medici. La caduta di Girolamo Savonarola a Firenze avvenne nel 1498, lo stesso anno in cui Machiavelli entrò nel servizio pubblico. Durante la sua carriera di impiegato statale, ricoprì importanti incarichi a Firenze, libera sotto il dominio di una repubblica, che durò fino al 1512, anno in cui i Medici tornarono al potere e Machiavelli perse l’incarico. I Medici governarono Firenze dal 1512 al 1527, quando furono nuovamente rimossi dal potere. Questo fu il periodo dell’attività letteraria di Machiavelli, e anche della sua crescente influenza; tuttavia morì settimane dopo l’espulsione dei Medici, il 21 giugno 1527, all’età di cinquantotto anni, senza aver riacquistato la carica.
Giuventù
Nonostante siano poche le testimonianze della sua giovinezza, la Firenze di quei giorni era così conosciuta che è facile immaginare l’ambiente in cui si sviluppò il giovane cittadino. Firenze era una città con due correnti contrapposte, una rappresentata dall’austero Girolamo Savonarola e l’altra da Lorenzo de Medici, amante dei fasti. Sebbene il potere di Savonarola sulle fortune fiorentine fosse immenso, non sembra essere stato molto importante per Machiavelli poiché lo menziona solo nel Principe come un profeta disarmato sfortunato. La magnificenza del mandato di Lorenzo, invece, impressionò fortemente Machiavelli, arrivando addirittura a dedicare Il Principe al nipote di Lorenzo. Machiavelli era considerato uno dei grandi scrittori del suo college. Era uno scrittore e un noto militare che ha influenzato l’umanesimo.
Servizio civile
Il secondo periodo della sua vita si colloca nel Periodo Libero di Firenze, che va dall’espulsione di Girolamo Savonarola nel 1498 quando Machiavelli aveva 29 anni, e si protrasse fino al ritorno dei Medici (famiglia che aveva il maggior potere economico in Firenze) nel 1512. Dopo aver servito per quattro anni in una carica pubblica come segretario, fu nominato cancelliere e segretario della seconda cancelleria. Ha assunto un ruolo importante negli affari della repubblica, lasciando a guidarci i suoi decreti, i suoi registri, i suoi dispacci, così come i suoi scritti. Sebbene ricoprisse posizioni di rilievo nella scena pubblica e politica, le evitava poiché accettava qualsiasi tipo di lavoro in cambio di una piccola paga.
La sua prima missione fu nel 1499, per Caterina Sforza, Mia signora di Forlì ne Il Principe, dalla cui condotta e fortuna, Machiavelli trasse la morale: È meglio conquistare la fiducia della gente che fidarsi della forza. Sarà un concetto molto importante per Machiavelli, ed è sottolineato in molti modi come di vitale importanza per coloro che vogliono detenere il potere.
Nel 1500 fu inviato in Francia per convincere Luigi XII dell’opportunità di continuare la guerra contro Pisa. Sarà questo il re che, nella sua politica verso l’Italia, commette i cinque capitali errori di potere riassunti ne Il Principe.
La vita pubblica di Machiavelli è stata inquadrata in eventi derivanti dall’ambizione di papa Alessandro VI e di suo figlio, César Borgia, duca Valentino; entrambi i personaggi occupano un ampio spazio ne Il principe. Machiavelli non esita a citare le azioni del Duca a beneficio degli usurpatori che vogliono mantenere gli stati che conquistano; infatti Machiavelli non trova precetti migliori che insegnare i modelli di comportamento di César Borgia. Per questo motivo, per alcuni critici, Caesar è l’eroe del Principe. Tuttavia, il duca è indicato nel Principe come il tipo di uomo che cresce con la fortuna degli altri e cade allo stesso modo; che segue la condotta che ci si potrebbe aspettare da un uomo prudente, eccetto quella che lo salverà; che è preparato a tutte le eventualità, tranne quella che finalmente arriva; e chi, quando le sue capacità sono insufficienti per risolvere un problema, esclama che non è stata colpa sua, ma di una fatalità straordinaria e imprevista. Cesar Borgia era anche un grande umanista e assunse Leonardo Da Vinci per fare diversi dipinti per lui. In varie occasioni Machiavelli concordò con Leonardo, intrattenendo con lui lunghe conversazioni.
Alla morte di Alessandro VI, nel 1503, Machiavelli fu inviato ad osservare l’elezione del successore, e lì realizza le manovre di Cesare Borgia per forzare l’elezione di Giuliano delle Rovere (papa Giulio II), che fu uno dei cardinali che più temevano il duca. Machiavelli, commentando questa scelta, dice che chi pensa che i favori faranno dimenticare alle grandi persone le offese del passato si sta illudendo. E così Giulio II non si è riposato finché non ha visto Cesare in rovina.
Fu proprio con Giulio II che Machiavelli adempì la sua commissione nel 1506, nello stesso momento in cui il pontefice iniziò la sua crociata contro Bologna; una campagna che si è rivelata essere solo un’altra delle sue avventure di successo, grazie in gran parte alla sua natura impetuosa. Rispetto a papa Giulio II, Machiavelli ci presenta le somiglianze che esistono tra la Fortuna e le donne. E conclude che l’audace, e non il cauto, è colui che vincerà entrambi.
Nel 1507 fu assegnato in Germania come diplomatico per dialogare con l’imperatore Massimiliano I sulle misure espansionistiche che l’imperatore voleva adottare. Massimiliano, sorpreso dall’intelligenza e dall’eloquenza di Machiavelli, era convinto di non invadere i territori italiani e ancor meno Firenze, che era l’intenzione dell’imperatore. Riguardo ai tedeschi in particolare, Machiavelli disse: i tedeschi sono una forza militare molto grande, ma hanno e avranno una politica molto debole.
L’imperatore Massimiliano era uno degli uomini più interessanti dell’epoca e il suo carattere era stato plasmato da molte mani; ma Machiavelli rivela il segreto dei continui fallimenti dell’imperatore quando lo descrive come un uomo chiuso, privo di forza di carattere e senza gli arresti necessari per realizzare i suoi piani o insistere sull’adempimento dei suoi desideri.
Altri personaggi furono studiati da Machiavelli. Ad esempio, ha ritratto Ferdinando II d’Aragona come l’uomo che ha ottenuto grandi conquiste sotto il manto protettivo della religione, ma che in realtà non era a conoscenza dei principi di pietà, fede, umanità e integrità; Tuttavia, per Machiavelli, Ferdinando d’Aragona avrebbe ottenuto poco se si fosse mai lasciato influenzare da questi principi.
Gli altri anni di Machiavelli nel servizio pubblico trascorsero intorno alle vicende scaturite dalla Lega di Cambrai, costituita nel 1508 tra le tre grandi potenze europee e il Papa, con lo scopo di distruggere la Repubblica di Venezia. Dopo la battaglia di Agnadello, Venezia ha perso in un giorno tutto ciò che aveva guadagnato in ottocento anni. A seguito di questa battaglia, tra il Papa e la Francia, sorse un problema, che lasciò Firenze indifesa e in balia del Papa, che provocò il ritorno dei Medici il 1° settembre 1512. La conseguente caduta della repubblica portò al congedo di Machiavelli dal servizio pubblico e la fine della sua carriera di ufficiale.
Esilio
Al ritorno dei Medici, Machiavelli, che aveva sperato di mantenere il suo incarico sotto i nuovi padroni di Firenze, fu licenziato con decreto il 7 novembre 1512. Fu arrestato e torturato per appartenenza a una congiura contro i Medici. Insieme all’amico Giovanni Battaini e ad altre 20 persone. Il nuovo pontefice Leone X fece da mediatore per liberarlo e Machiavelli si ritirò nella sua piccola tenuta a San Casciano in Val di Pesa, a una quindicina di chilometri da Firenze. Qui si guadagna da vivere abbattendo un bosco di sua proprietà insieme ad alcuni salariati e sopravvive con questo pesante lavoro. Si dedica anche all’agricoltura e all’allevamento e vive con i lavoratori, con loro mangia, gioca e parla, per sentirsi vivo. I suoi amici della città gli voltano le spalle. Ma sebbene siano gli anni peggiori della sua vita, Machiavelli ha il suo spazio di notte per la libertà e il benessere. Ogni notte si toglieva gli abiti da lavoro e indossava gli abiti di quando era nel servizio civile. Una volta vestito in questo modo, lesse Dante, Petrarca e Ovidio e fu allora in quelle notti solitarie che iniziò a dedicarsi anima e corpo alla letteratura. Riuscì a scrivere otto libri, la maggior parte dei quali con prosa leggera e agile, tra il 1513 e il 1525. In una lettera a Francesco Vettori, datata dicembre 1513, lasciò un’interessante descrizione della sua vita in quel periodo e uno schema delle sue motivazioni per scrivi Il principe.
Ha anche dato una replica del Principe ai Medici, ma lo hanno disprezzato. Machiavelli scrive la sua seconda opera più importante nella sua bibliografia intitolata Discorsi del primo decennio di Tito Livio, dove Nicolás Machiavelli mostra la sua vera visione politica, descrivendo come la migliore forma di governo una repubblica e non una monarchia assoluta tra le altre cose più importanti. Poi ha realizzato Discorso sull’arte della guerra e la sua commedia La mandrágora. Nonostante siano stati anni di difficoltà in cui ha sofferto la sua mente, Machiavelli ha fatto il meglio del suo talento.
L'anno scorso
Ricevette un’amnistia nel 1521, all’età di 52 anni, ma poco dopo fu accusato ingiustamente di essere coinvolto in un colpo di stato contro i Medici. Fu torturato e imprigionato per un breve periodo e, una volta libero, ricevette un incarico: liberare alcuni operai del sindacato della lana che erano stati rapiti da un gruppo di malviventi. Machiavelli è riuscito a farli rilasciare e la gilda, in segno di gratitudine, gli ha dato una buona somma di denaro. Con una parte di quei soldi ha comprato un biglietto della lotteria, che ha ricevuto 20.000 ducati e con il quale è riuscito a saldare alcuni debiti.
Iniziò a lavorare nell’accademia umanista di Bernardo Rucellai, traducendo l’opera greca di Polibio e grazie a ciò raccolse molte idee sul governo di una repubblica. Il nuovo papa Clemente VII, un Medici, lo riavvicinò alla politica, commissionandogli un’opera sulla storia di Firenze per 120 fiorini. Per questo motivo Machiavelli fu accusato di essere un sostenitore dei Medici, curiosamente la stessa famiglia contro la quale aveva presumibilmente cospirato in passato.
Niccolò Machiavelli morì nella sua città natale il 21 giugno 1527 a causa di una peritonite acuta all’età di 58 anni. Dimenticato e ignorato dai suoi contemporanei, la sua eredità ebbe più successo nei secoli successivi che nel tempo in cui visse, dove il modo freddo e non religioso di presentare il governo dello stato causò grande scandalo. Ha sempre difeso la collettività contro l’individualità e non ha mai dimenticato la sanguinosa e unica verità sulla politica e sui governanti.
Il pensiero politico
Sebbene non lo abbia mai detto, gli viene attribuita la frase “IL FINE GIUSTIFICA I MEZZI”, poiché riassume molte delle idee contenute nel capitolo XVIII de Il Principe: Solo il risultato giustifica l’azione, essendo anche il creatore del concetto di ragione di stato, fondamentale in Politica, e poi ritrovato in Guicciardini e Giovanni della Casa, anche se solo con Giovanni Botero si svilupperà come dottrina (Della Ragion di Stato, 1589). Machiavelli lo espone nei suoi Discorsi sul primo decennio di Livio (Lib. III, cap. 41): Che il paese deve essere sempre difeso con ignominia o gloria, e in ogni modo sarà difeso:
Questo è qualcosa che merita di essere notato e imitato da ogni cittadino che voglia consigliare il proprio Paese, perché nelle deliberazioni in cui è in gioco la salvezza del Paese non si deve tenere in considerazione ciò che è giusto o ingiusto, pio o il crudele, il lodevole o il vergognoso, ma piuttosto, tralasciando ogni altro rispetto, bisogna seguire quella strada che salva la vita del paese e ne mantiene la libertà.
Machiavelli è considerato uno dei più importanti teorici politici del Rinascimento, poiché con il suo contributo apre la strada alla modernità nella sua concezione politica e alla ristrutturazione sociale. Ha detto che se una persona desidera fondare uno stato e creare le sue leggi, deve iniziare partendo dal presupposto che tutti gli uomini sono malvagi e sono pronti a mostrare la loro natura, purché trovino l’occasione per farlo.
Tradizionalmente, nel pensiero machiavellico si è trovata un’aporia come conseguenza della difficile riconciliazione delle sue due opere principali, i Discorsi sulla prima decade di Livio e Il principe.
Nei Discorsi, Machiavelli si dichiara sostenitore della repubblica, partendo dal presupposto che ogni comunità ha due spiriti contrapposti: quello del popolo e quello dei grandi (che vogliono governare il popolo), che sono in perenne conflitto. Per Machiavelli il regime migliore è una Repubblica ben organizzata (prendiamo ad esempio la Repubblica Romana), quella che riesce a dare partecipazione ai due partiti della comunità per contenere il conflitto politico all’interno della sfera pubblica.
Machiavelli sottolinea, e da qui la qualifica altrettanto ben organizzata, che è essenziale che la repubblica abbia le istituzioni necessarie per incanalare al suo interno il conflitto senza le quali la repubblica si disarmerebbe. Nessuna delle altre forme di governo, siano esse buone; la monarchia, l’aristocrazia e la democrazia, o quelle cattive; la tirannia, l’oligarchia e il governo licenzioso, raggiungono l’equilibrio dei partiti all’interno del regime, quindi sono instabili.
I tre buoni sono i suddetti; i tre cattivi ne sono degradi, la monarchia si trasforma facilmente in tirannia; il regime aristocratico in oligarchia e il regime democratico in licenza. Discorsi sulla prima decade di Tito Livio. Capitolo II, libro uno.
Interpreti inclini alle tesi repubblicane hanno cercato, sin da Rousseau, di conciliare la contraddizione tra i Discorsi e Il Principe, considerando che quest’ultimo è un esercizio di ironia che ha semplicemente esposto alla luce pubblica quali fossero le vere pratiche di potere. Tuttavia, sull’opposizione alla repubblica che si potrebbe dedurre ne Il Principe, va notato che quando Machiavelli lo scrive, lo fa per mostrare a Lorenzo II de Medici come deve comportarsi se vuole unificare l’Italia e tirarla fuori dalla crisi del trovato. Machiavelli chiarisce anche che ci può essere un uomo la cui virtù politica (saper sfruttare i momenti di fortuna e sfuggire a quelli sfavorevoli) supera la repubblica nel suo insieme, ma detta virtù politica morirà con il mortale che la possiede, cosa che non accadrebbe in una buona repubblica. Organizzato.
Oltre a questo, va ricordato che Il Principe presenta analogie con la figura romana e repubblicana del dittatore, investito di poteri assoluti per un breve periodo e dovendo successivamente rendere conto alla repubblica. In questo senso, la contraddizione tra i due testi principali di Machiavelli non è tale. Se è così, allora il principato e la repubblica dovrebbero essere intesi come forme di governo subordinate alla reale preoccupazione politica di Machiavelli: la formazione di uno Stato moderno nell’Italia del suo tempo.
Pertanto, un principe, costretto consapevolmente ad adottare la bestia, aveva il dovere di scegliere la volpe e il leone, perché il leone non può difendersi dalle trappole e la volpe non può difendersi dai lupi. Quindi è necessario essere una volpe per scoprire le trappole e un leone per terrorizzare i lupi. (Machiavelli, 1993: 137-138).
Machiavelli capisce che ogni principe deve avere virtù e fortuna per salire al potere: virtù quando prende buone decisioni e fortuna quando cerca di conquistare un territorio e trova una situazione (che non è stata causata da lui stesso) che lo aiuti o avvantaggi a conquistare. Il principe che ottiene il potere attraverso il crimine e i maltrattamenti, essendo questo vile e despota, deve capire che una volta che è al potere deve cambiare quell’atteggiamento nei confronti del popolo. Dare libertà alle persone, per conquistare il loro favore, poiché alla fine saranno loro a decidere il loro futuro.
Machiavelli è stato anche un vero precursore del lavoro degli odierni analisti politici e editorialisti: «tutti questi nostri principi hanno uno scopo, e poiché è impossibile per noi conoscerne i segreti, siamo costretti in parte a dedurlo dalle parole e dai fatti che lo compiano, e in parte immaginarlo. (lettera a Francesco Vettori, luglio 1513).
In ogni caso, testi diversi del pensatore gettano luci e ombre sulla coerenza interna del suo lavoro. Così il fiorentino si spinge fino ad affermare non senza ironia che «da tempo ormai non dico mai quello in cui credo, né credo mai quello che dico, e se qualche verità mi sfugge di volta in volta, la nascondo tra tante bugie che è difficile riconoscerla. (Lettera allo storico fiorentino Francesco Guicciardini, maggio 1521).
Ma il fatto è che quello che propone Machiavelli è un discutibile relativismo morale. Hannah Arendt ha scritto che “la debolezza dell’argomento del male minore è sempre stata che coloro che hanno scelto il male minore dimenticano molto rapidamente di aver scelto il male”. Ma insistendo sulle idee relativistiche del machiavellismo, Hobbes afferma che: “Mentre gli uomini vivono senza essere controllati da un potere comune che li tiene tutti spaventati, sono in quella condizione di guerra, guerra di ogni uomo contro ogni uomo. Vale a dire che il potere politico collettivo spaventa gli uomini (li tiene tutti in soggezione) e grazie a quella “paura reverenziale”, grazie alla paura, si costituisce un corpo politico capace di reprimere attraverso il dominio e la violenza (cioè attraverso male) guerra e caos continuarono. L’inclinazione al male degli uomini rende nuovamente necessaria l’alleanza del potere con il male stesso per produrre i risultati adeguati della convivenza e della pace. Per il liberalismo, il potere è un male, naturalmente e un male necessario, ma proprio per questo motivo, se vogliamo godere della sicurezza che produce di fronte all’anarchia, dobbiamo anche controllarlo e limitarlo, poiché senza questo contenimento non è utile, non produce le funzioni assegnate, che sono la sicurezza, la pace e la convivenza; Il male, quindi, poiché è necessario per noi, va domato (esercitando i nostri diritti di fronte ad esso), sottoposto (al consenso dell’obbediente), reso sensibile ai nostri interessi (attraverso la rappresentazione), fatto a pezzi (dividendone i poteri), regolamentato (sottoponendolo allo Stato di diritto).
E modernamente Peter Sloterdijk ha criticato lo sviluppo eccessivo del concetto machiavellico di ragione di stato e l’enorme male che ha fatto nel suo libro Critica della ragione cinica (1983). Secondo lui, la «falsa coscienza illuminata» adotta una forma di azione tale che, pur sapendo che gli ideali da essa estesi (ragione, progresso, verità, dialogo) non sono (né sono mai stati) possibili, cerca di mantenerli in ordine. stabilito, producendo un tipo di persone che, sebbene non mettano in discussione pubblicamente detti ideali, vivono al di fuori di essi e con completa libertà e superiorità in quello che Sloterdijk chiama cinismo.
Opere

  • Discorso sulla corte di Pisa, 1499
  • Dal modo di cura e dai popoli della Valdichiana ribellati, 1502
  • Dalla modalità tenuto dal duca Valentino nell’ammazzare Vitellozzo Vitelli, Oliverotto da Fermo, ecc., 1502
  • Discorso sopra la provisione del danaro, 1502
  • Decennale primo (poesia), 1506
  • Ritratto della corte di Germania, 1508-1512
  • Decennale secondo, 1509
  • Ritratto della corte di Francia, 1510
  • Discorsi sulla prima decade di Livio, 3 volumi, 1512-1517
  • Il principe, 1513
  • Andria, commedia, 1517
  • The Mandrake, una commedia in prosa in cinque atti con prologo in versi, 1518
  • Della lingua (dialoghi), 1514
  • Clizia, commedia in prosa, 1525
  • Belfagor arcidiavolo (romanzo), 1515
  • Asino d’oro (poesia), 1517
  • Dall’arte della guerra, 1519-1520
  • Discorso sopra il riformare lo stato di Firenze, 1520
  • Riassunto della corte della città di Lucca, 1520
  • La vita di Castruccio Castracani, 1520
  • Storia di Firenze, 8 libri, 1520-1525
  • Storie fiorentine (1521-1525)

Posterità
In letteratura, è stato un personaggio in opere politiche che rappresentano cinismo e realismo, opponendosi al pensiero legale di Montesquieu.

Crediti
 Wikipedia
 Pinterest •   • 




Warning: Undefined variable $categoria_discendente_id in /home/rhadrixi/public_html/wp-content/uploads/sites/6/get-file/quote.php on line 42
Categoria non trovata
Quotes per

Grande Spirito, aiutami a non giudicare un altro, se prima non ho camminato nei suoi mocassini per due settimane.  Antico detto Sioux

Cerca sempre di ottenere ciò che ami o ti dovrai accontentare di amare ciò che ottieni.  Proverbio cinese

Trovare una persona che davvero ami e che lei ami te... Insomma, le probabilità sono davvero minuscole.  Film: Notting Hill

In situazioni difficili guai a colui che si crogiola nel suo stato di bisogno, rimanendo seduto e compatendosi.  I Ching

Quando il saggio indica la luna, lo stolto guarda il dito.  Proverbio zen