⋯
Svolgere un’attività, dedicarsi a qualcosa, o anche solo studiare sono cose necessarie alla felicità dell’uomo. Egli vuole attivare le sue forze e percepire in qualche modo il successo di tale attività. (Forse perché ciò gli garantisce di poter soddisfare i suoi bisogni e con le proprie forze). Per questo durante i lunghi viaggi di piacere di tanto in tanto ci si sente molto infelici. Sforzarsi e lottare con ostacoli è il bisogno più essenziale della natura umana: lo stato di quiete, che sarebbe pienamente autosufficiente nel tranquillo godimento, è impossibile per l’uomo: superare ostacoli è il piacere più completo della sua esistenza; per lui non c’è nulla di meglio. Tali ostacoli possono essere di tipo materiale, come nel caso dell’agire dell’operare, o spirituale, come nel caso dello studiare e del ricercare; la lotta contro essi e la vittoria su essi costituisce il pieno godimento dell’esistenza umana. Se gliene manca l’occasione, l’uomo li costruisce come può: allora la sua natura lo spinge inconsciamente ad attaccare briga, a tessere intrighi, a commettere furfanterie e altre malvagità, a seconda delle circostanze. Bilboquet.

Crediti
 • Arthur Schopenhauer •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Il caso Nietzsche
420% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
L’essenza del testo
407% ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso “Il piacere del testo” analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a “leggere fino a farsi del male! F⋯
Sapere di non essere
209% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯
Le origini romantiche della psicoanalisi e l’obiezione di Nietzsche
192% ArticoliPsicologiaUmberto Galimberti
A differenza di tutti i popoli della terra, l’uomo occidentale un giorno ha detto Io. L’ha annunciato Platone e l’ha esplicitato Cartesio. La psicologia ha catturato questa parola e ne ha fatto il centro della soggettività, dispiegando una visione del mon⋯
Il mercantile
174% IneditiSergio Parilli
Magari è troppo presto, ma i sognatori, hanno sempre lo sguardo perso, sicuramente piacevole nei loro pensieri e sorridono… ma, anche se sono solo due righe con due soli sostantivi, l’emozione è sempre la stessa per il poeta. Siamo nel periodo di un’attra⋯