Busso alla porta della pietra
Busso alla porta della pietra – Sono io, fammi entrare.
Voglio venirti dentro, dare un’occhiata, respirarti come l’aria.
– Vattene – dice la pietra. Sono ermeticamente chiusa.
Anche fatte a pezzi saremo chiuse ermeticamente.
Anche ridotte in polvere non faremo entrare nessuno.

Busso alla porta della pietra. – Sono io, fammi entrare.
Vengo per pura curiosità. La vita è la sua unica occasione.
Vorrei girare per il tuo palazzo, e visitare poi anche la foglia
e la goccia d’acqua. Ho poco tempo per farlo.
La mia mortalità dovrebbe commuoverti.
– Sono di pietra – dice la pietra – E devo restare seria per forza.
Vattene via. Non ho i muscoli per ridere.

Busso alla porta della pietra. – Sono io, fammi entrare.
Dicono che in te ci sono grandi sale vuote, mai viste,
belle invano, sorde, senza l’eco di alcun passo.
Ammetti che tu stessa ne sai poco.
– Sale grandi e vuote – dice la pietra ma in esse non c’è spazio.
Belle, può darsi, ma al di là del gusto dei tuoi poveri sensi.
Puoi conoscermi, però mai fino in fondo. Con tutta la superficie
mi rivolgo a te, ma tutto il mio interno è girato altrove.

Busso alla porta della pietra – Sono io, fammi entrare.
Non cerco in te un rifugio per l’eternità. Non sono infelice.
Non sono senza casa. Il mio mondo è degno di ritorno.
Entrerò e uscirò a mani vuote. E come prova d’esserci davvero stato
porterò solo parole, a cui nessuno presterà fede.
– Non entrerai – dice la pietra.- Ti manca il senso del partecipare.
Nessun senso ti sostituirà quello del partecipare.
Anche una vista affilata fino all’onniveggenza
a nulla ti servirà senza il senso del partecipare.
Non entrerai, non hai che un senso di quel senso,
appena un germe, solo una parvenza.

Busso alla porta della pietra. – Sono io, fammi entrare.
Non posso attendere duemila secoli per entrare sotto il tuo tetto.
– Se non mi credi – dice la pietra – rivolgiti alla foglia, dirà la stessa cosa.
Chiedi a una goccia d’acqua, dirà come la foglia.
Chiedi infine a un capello della tua testa.
Scoppio dal ridere, d’una immensa risata che non so far scoppiare.

Busso alla porta della pietra. – Sono io, fammi entrare.
– Non ho porta – dice la pietra.

Crediti
 • Wislawa Szymborska •
 • Pinterest • Yves Klein  •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ L’ultimo canto d’amore di “El Chorito”
54% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
Sudamericano in terra di goti, questo è il mio canto d’addio ora che gli ospedali tralasciano le colazioni e le ore del tè con un’insistenza che non posso che attribuire alla morte. Svaniti i crepuscoli lungamente studiati, finiti i giochi dilettevoli che⋯
Egon Schiele ⋯ L’ultimo Selvaggio
46% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
Uscii dall’ultimo spettacolo nelle strade vuote. Lo scheletro mi passò accanto, tremando, appeso all’asta di un camion della spazzatura. Grandi berretti gialli celavano il volto dei netturbini, ma anche così credetti di riconoscerlo: un vecchio amico. Ecc⋯
Egon Schiele ⋯ Le belle persone lasciano segni
43% Pedro Almodóvar CaballeroPoesieSchiele Art
Ho sempre pensato che le belle persone non siano né facili né scontate. Le belle persone non sono nemmeno per tutti, perché non si fanno attraversare da tutti e nemmeno tutti sono in grado di farlo. Le immagino come una rosa. Non le puoi raggiungere sente⋯
Egon Schiele ⋯ È quel che è
36% Erich FriedPoesieSchiele Art
È assurdo dice la ragione È quel che è dice l’amore È infelicità dice il calcolo Non è altro che dolore dice la paura È vano dice il giudizio È quel che è dice l’amore È ridicolo dice l’orgoglio È avventato dice la prudenza È impossibile dice l’esperienza⋯
Egon Schiele ⋯ La visita al convalescente
31% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
È il 1976 e la Rivoluzione è stata sconfitta ma noi ancora non lo sappiamo. Abbiamo 22, 23 anni. Io e Mario Santiago camminiamo lungo una strada in bianco e nero. Alla fine della strada, in un palazzo che sembra uscito da un film degli anni Cinquanta c’è ⋯
Il fiume trema di pauraIl fiume trema di paura
27% Khalil GibranPoesie
Dicono che prima di entrare in mare Il fiume trema di paura. A guardare indietro tutto il cammino che ha percorso, i vertici, le montagne, il lungo e tortuoso cammino che ha aperto attraverso giungle e villaggi. E vede di fronte a sé un oceano così grande⋯