Collection of eight major works

La scuola prepara le nuove generazioni a tollerare, quando non ad esaltare, i cambiamenti sociali autoritari voluti dal Capitale. Lo Stato ed i suoi governi attuano sempre pienamente i desideri del Capitale, in modo puntuale e preciso. Spingere una società al limite estremo della competizione tra le persone, ridotte a miserabili ruoli obbedienti, in nome della produzione e del profitto (per pochi) con la scusa del merito da premiare e del demerito da punire, come se tutti noi fossimo animaletti da circo ignobile comandati da qualcuno che decide che cosa è merito e demerito, non è possibile farlo senza un progetto educativo pedagogico di base altrettanto competitivo. Se oggi i governi possono permettersi di emanare decreti come quello ultimo sul pubblico impiego, sicuri di farla franca, lo devono anzitutto all’azione addestrante culturale educatrice della scuola che ha agito in precedenza; la scuola è sempre stata il prerequisito necessario per far funzionare la macchina del Dominio. Questa macchina di sfruttamento funziona soltanto per mezzo degli stessi sfruttati che, ben addestrati, si fanno agenti dell’ingiustizia in nome della legalità. La guerra di tutti contro tutti è lo Stato, e attraverso lo Stato ogni pratica di effettiva e significativa solidarietà tra le persone viene disattesa, e anche punita. Le belle chiacchiere da balcone domenicale o da cattedra illuminata stanno a zero.

Crediti
 • Autori Vari •
 • Scuola libertaria •
 • SchieleArt • Shaun Curry Collection of eight major works •  •

Similari
 ⋯ Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
503% ArticoliAutori VariPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯

 ⋯ Impero, vent’anni
380% Autori VariPolitica
Vent’anni fa, quando è stato pubblicato il nostro libro Impero, i processi economici e culturali della globalizzazione erano al centro della scena: tutti potevano vedere che stava emergendo qualcosa come un nuovo ordine mondiale. Oggi la globalizzazione è⋯

 ⋯ Basi neurologiche della coscienza
74% ArticoliAutori VariNeuroscienze
Spesso non siamo consapevoli di quelle che sono le ragioni e le cause del nostro comportamento; più indaghiamo nei meandri della mente, più ci si accorge di quanto sia importante e potente il nostro inconscio. L’inconscio, come parte più intima di noi ste⋯

 ⋯ Globalità e Cosmopolitismo
59% ArticoliAutori VariRaúl Magallón
Ulrich Beck (1944) è considerato uno dei “maggiori autori” della sociologia contemporanea. Il suo criterio riguardo la modernità riflessiva, la società del rischio e il cosmopolitismo ha fatto di questo sociologo tedesco, uno dei grandi referenti del pens⋯

Jean-Michel Basquiat ⋯Nemici del popolo
48% ArticoliAutori VariSocietà
Una delle tante ridicole credenze degli sventurati è che le loro miserie debbano necessariamente suscitare simpatia. Questa è davvero la più tenace delle loro convinzioni. Non è mai troppo sbagliato dimostrare, nel loro stesso interesse, fino a che punto ⋯

⋯ Egon Schiele ⋯Paura inconscia
46% Schiele ArtVasilij Grossman
– Devi capire, – diceva suo padre – che la gente non si preoccupa per il fatto che la macchina diventerà uguale all’uomo o addirittura migliore di lui. Nessuno se ne ha a male e nessuno se ne spaventa. Non fa paura, l’uguaglianza fra uomo e macchina. A fa⋯