Case in paesaggio
Il dipinto intitolato Häuser in Landschaft di Egon Schiele risale al 1917 ed è stato realizzato con olio su tela, misurando 43 5/8 x 55 1/2 pollici. La firma si trova in basso a sinistra, ma potrebbe essere stata apposta da un’altra mano. Attualmente il dipinto ha un paradero sconosciuto. La provenienza risale a Karl Grünwald di Vienna nel 1930, come indicato nel catalogo Nirenstein. Il dipinto è stato esposto alla Neue Galerie di Vienna nell’ottobre 1930 in una mostra intitolata Unbekanntes von Egon Schiele. Il lavoro è stato catalogato da diversi studiosi, tra cui Nirenstein, Kallir, Leopold e Natter. In particolare, Gianfranco Malafarina ha incluso il dipinto nella sua opera L’Opera di Schiele del 1982, come numero 315. Häuser in Landschaft raffigura case immerse in una vasta campagna, con uno stile che si rifà al caratteristico linguaggio espressivo dell’artista. Le forme sinuose e le linee spezzate contribuiscono a creare una forte tensione emotiva, tipica dello stile di Schiele. Anche se la firma è stata oggetto di discussione, il dipinto è generalmente considerato opera dell’artista austriaco.

Crediti
 Joe Conta
 Disegni di Schiele
 SchieleArt •  Houses in Landscape • 




Quotes casuali

Una delle caratteristiche dell'università è di essere formata di professori che formano professori, di professionisti che formano professionisti.
Dunque l'insegnamento non si rivolge più a uomini che s'intende formare affinché siano uomini, ma a specialisti, perché imparino a preparare altri specialisti. Il pericolo della «scolastica» che aveva cominciato a delinearsi alla fine dell'antichità, che si sviluppa nel medioevo e di cui si può ancora riconoscere la presenza nella filosofia attuale.
Pierre Hadot
Esercizi spirituali e filosofia antica
Vi auguro l'impensato, l'introvato, il mai voluto (che non è l'involuto). Vi auguro il pensiero totalmente altro, che pensa ciò che mai finora è stato pensato, con parole nuove e con un punto di vista nuovo. Vi auguro di riuscirlo a comprendere, e riuscire a farlo comprendere ai vostri contemporanei. E in questo modo fuoriuscire dal vecchio per entrare in una dimensione autenticamente vera e nuova. Vi auguro la semplicità di pensare l'amore del mondo.Victor Cusack
Scaraventiamo tutto in questi poveri vasi, tutte le escrezioni dell'anima, tutte le malattie della mente, tutto il nero della vita, e lo chiamiamo amore. E se questo nostro veleno non si trasforma in un essere che ci somiglia, ci troviamo imperfetti, mortali, senza sostegno.Guido Ceronetti