Mark Kostabi ⋯

Ma la grande scoperta della mia ricerca fu Schopenhauer. Egli era il primo che parlasse del dolore del mondo che visibilmente e invadentemente ci circonda, della confusione, della passione e del male, che tutti gli altri sembravano quasi non prendere in considerazione e volevano sempre ridurre ad armonia e chiarezza. Qui, finalmente, c’era uno che aveva il coraggio di riconoscere che alla base del mondo le cose non stanno comunque nel migliore dei modi. Egli non parlava né di una Provvidenza creatrice infinitamente buona e infinitamente saggia, né di un’armonia del creato, ma diceva chiaramente che alla base del corso doloroso della storia umana e della crudeltà della natura c’era un errore, cioè la cecità della volontà che crea il mondo. Ne trovavo la conferma nelle mie precedenti osservazioni di pesci malati e morenti, di volpi scabbiose, di uccelli assiderati o affamati, della spietata tragedia che cela un prato adorno di fiori: lombrichi straziati a morte dalle formiche, insetti che si fanno a pezzi l’un l’altro e così via. Ma anche le mie esperienze con l’uomo mi avevano insegnato tutt’altro che la credenza in una originaria bontà e moralità umana. Conoscevo abbastanza bene me stesso per sapere che solo nel grado, per così dire, mi distinguevo da un animale.

Crediti
 • Carl Gustav Jung •
 • Pinterest • Mark Kostabi  •  •

Similari
 ⋯ Le origini romantiche della psicoanalisi e l’obiezione di Nietzsche
178% ArticoliPsicologiaUmberto Galimberti
A differenza di tutti i popoli della terra, l’uomo occidentale un giorno ha detto Io. L’ha annunciato Platone e l’ha esplicitato Cartesio. La psicologia ha catturato questa parola e ne ha fatto il centro della soggettività, dispiegando una visione del mon⋯
 ⋯ Basi neurologiche della coscienza
86% ArticoliEduard PunsetJohn BarghNeuroscienze
Spesso non siamo consapevoli di quelle che sono le ragioni e le cause del nostro comportamento; più indaghiamo nei meandri della mente, più ci si accorge di quanto sia importante e potente il nostro inconscio. L’inconscio, come parte più intima di noi ste⋯
Tra neuroscienze, psicologia e letteratura, la nascita di unIl cervello raccontato
67% ArticoliNeuroscienzePaolo Pecere
Il rapporto tra l’attività cerebrale e l’identità di una persona è un tema attualissimo, che fin dalle sue prime formulazioni moderne ha messo in questione il ruolo della narrazione: come può collegarsi l’operare dei miliardi di neuroni che compongono il ⋯
 ⋯ La psiche come respiro
62% ArticoliPsicologia
La parola psiche la incontriamo in Omero con riferimento all’ultimo respiro. psychein, infatti, è un verbo greco che significa respirare, e anche la parola corpo (in greco soma) era riferita unicamente al cadavere, nel senso che il corpo vivo per Omero, e⋯
 ⋯ Dall’inconscio al comportamento
56% ArticoliLuciano MecacciPsicologia
Nel primo decennio del Novecento si diffuse la psicologia come scienza sperimentale, come indagine di laboratorio, cioè, una metodologia fondata sull’uso del metodo dell’introspezione. A partire da dati raccolti dai racconti si procedeva a scrivere com’er⋯
 ⋯ La porta della coscienza
50% ArticoliHenri BergsonPsicologia
Nell’uomo, la coscienza è soprattutto intelligenza: avrebbe dovuto, avrebbe potuto essere anche intuizione. Intuizione e intelligenza rappresentano due direzioni opposte dell’attività cosciente: la prima, procede nel senso stesso della vita; la seconda, in⋯