Mark Kostabi ⋯

Ma la grande scoperta della mia ricerca fu Schopenhauer. Egli era il primo che parlasse del dolore del mondo che visibilmente e invadentemente ci circonda, della confusione, della passione e del male, che tutti gli altri sembravano quasi non prendere in considerazione e volevano sempre ridurre ad armonia e chiarezza. Qui, finalmente, c’era uno che aveva il coraggio di riconoscere che alla base del mondo le cose non stanno comunque nel migliore dei modi. Egli non parlava né di una Provvidenza creatrice infinitamente buona e infinitamente saggia, né di un’armonia del creato, ma diceva chiaramente che alla base del corso doloroso della storia umana e della crudeltà della natura c’era un errore, cioè la cecità della volontà che crea il mondo. Ne trovavo la conferma nelle mie precedenti osservazioni di pesci malati e morenti, di volpi scabbiose, di uccelli assiderati o affamati, della spietata tragedia che cela un prato adorno di fiori: lombrichi straziati a morte dalle formiche, insetti che si fanno a pezzi l’un l’altro e così via. Ma anche le mie esperienze con l’uomo mi avevano insegnato tutt’altro che la credenza in una originaria bontà e moralità umana. Conoscevo abbastanza bene me stesso per sapere che solo nel grado, per così dire, mi distinguevo da un animale.

Crediti
 • Carl Gustav Jung •
 • Pinterest • Mark Kostabi  •  •

Similari
Il caso Nietzsche
739% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Sapere di non essere
397% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯
Il Codice di Hammurabi
339% ArticoliStorieWikipedia
Quando Anu il Sublime, Re dell’Anunaki, e Bel, il signore di Cielo e terra, che stabilirono la sorte del paese, assegnarono a Marduk, il pantocratore figlio di Ea, Dio della giustizia, il dominio su ogni uomo sulla faccia della terra, e lo resero grande f⋯
Un nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
332% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯
Che cos’è l’uomo
292% ArticoliFilosofiaJózef Maria Bocheński
Rifletteremo ora sull’uomo. A suo riguardo i problemi filosofici sono così numerosi, che ora non è possibile nominarli tutti. La nostra meditazione si riferirà perciò necessariamente solo ad alcuni di essi. Prima di tutto, con i grandi pensatori del passa⋯