Egon Schiele ⋯
È come se non fossi tuo marito. Come se non avessimo mai vissuto insieme come marito e moglie. Com’eri allora? Per me il tuo viso è ancora bellissimo, ma non è quello per cui Michael Furey sfidò la morte. Perché questo accavallarsi di emozioni dentro di me? Cosa le ha destate? Il viaggio in carrozza? La sua indifferenza quando le ho baciato la mano? La festa delle zie? Il mio stupido discorso? Il vino, le danze, la musica? Povera zia Giulia, con quell’espressione sofferente negli occhi occhi mentre cantava “Ornata per le nozze“. Presto sarà anche lei un’ombra fra le ombre, come Patrick Morkan e il suo cavallo. Presto forse mi troverò seduto in quel salotto vestito a lutto. Le persiane saranno chiuse. E io fluirò nella mia mente per cercare parole di consolazione. Ma ne troverò soltanto di banali ed inutili. Sì sì, accadrà molto presto. Si, i giornali hanno ragione, la neve copre tutta l’Irlanda; cade su tutta la pianura centrale, sulle colline senza alberi, cade silenziosa sulla palude di Allen e ancora più a ovest cade morbida, sulle acque scure e tumultuose dello Shannon. Uno per uno tutti diventeremo ombre. Meglio passare all’altro mondo baldanzosamente nella piena gloria di qualche passione, piuttosto che appassire e spegnersi lentamente di vecchiaia. Per quanto tempo hai tenuto chiuso nel cuore il ricordo degli occhi del tuo innamorato, mentre ti diceva che non voleva vivere? Io non ho mai provato niente di simile per nessuna donna, ma so che questo sentimento dev’essere l’amore. Penso a tutti quelli che sono esistiti sin dall’inizio dei tempi, e a me come loro di passaggio, vacillante, verso il grigio mondo d’ombre; come ogni cosa intorno a me, anche questo stesso solido mondo in cui essi hanno vissuto sta per dissolversi e sparire. Cade la neve, cade nel cimitero solitario dove giace sepolto Michael Furey, cade leggera su tutto l’universo, cade lenta, come la discesa della loro ultima fine, su tutti i vivi, e sui morti.

Crediti
 • John Huston •
 • The dead •
  • 1987 •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ Della virtù che rimpiccolisce
57% ArticoliFriedrich NietzscheSchiele Art
Zarathustra fu di nuovo sulla terra ferma, non corse subito alla sua montagna e alla sua grotta, ma fece molte strade e domande e si informò di questo e di quello, così che diceva a se stesso scherzando: ‹‹Ecco un fiume, che per mille curve rifluisce alla⋯
Egon Schiele ⋯ The wavesIl sogno è svanito per sempre!
52% García LorcaPoesieSchiele Art
Nella sera piovosa il mio cuore impara la tragedia autunnale che cade dagli alberi. Nella dolce tristezza del pomeriggio che muore le mie voci si spezzarono. Il sogno è svanito per sempre! Per sempre.Dio mio! Cade la neve sulla campagna deserta della mia ⋯
Egon Schiele ⋯ La francese
51% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
Una donna intelligente. Una donna bella. Conosceva tutte le varianti, tutte le possibilità. Lettrice degli aforismi di Duchamp e dei racconti di Defoe. In genere con un autocontrollo invidiabile, Tranne quando era depressa e si ubriacava, Cosa che poteva ⋯
Egon Schiele ⋯ Negli occhi porto la vostra bella sembianza
51% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
Cercherò di dimenticare Un corpo che apparve durante la nevicata Quando tutti eravamo soli Nel parco, sulla collinetta dietro i recinti del basket Dissi fèrmati e si voltò: un viso bianco acceso per un nobile cuore Mai avevo visto tanta bellezza La luna s⋯
Egon Schiele ⋯ The LyricistNon voglio fare l’Imperatore
44% Charlie ChaplinSchiele Art
Mi dispiace, ma io non voglio fare l’Imperatore: non è il mio mestiere; non voglio governare né conquistare nessuno. Vorrei aiutare tutti, se possibile: ebrei, ariani, uomini neri e bianchi. Tutti noi esseri umani dovremmo aiutarci sempre, dovremmo godere⋯
Egon Schiele ⋯ Le tue decisioni tragiche
35% Julio CortázarSchiele Art
E sì, pare che sia così, pare che te ne sia andata dicendo non so cosa, che andavi a gettarti nella Senna, qualcosa di simile, una di quelle frasi da notte fonda, mescolate a lenzuola e a bocca impastata, quasi sempre nel buio o con qualcosa come mano o p⋯