⋯
Quello che mi fa disperare dell’amore è la limitatezza della sua libertà di movimento fra le due persone e la costrizione cui si sottomette la libertà stessa, esaltando quella dell’uno, umiliando quella dell’altro, in effetti fuggendo via da entrambi. L’amore, che a parole dovrebbe esaltare la vita esistente, o la riproduce genitalmente obliterando la propria o la devia o, quando l’amore trionfa su tutto tranne che su se stesso e quindi sull’intero sistema sociale che vi si oppone, la riduce in polvere. Il sistema di controllo sociale – controllo delle libertà individuali, dunque, che va dritto a quello delle coppie – non permette che gli si sfugga nemmeno nella camera da letto. Chi sfugge, grazie alla forza scardinante dell’amore, può assaporare il sapore della libertà ma va punito, perché tale gusto non dilaghi fuori dal perimetro intimistico degli amanti e ammorbi, ammorbidendoli, i legacci societari. È disperante che l’amore, l’amore della libertà e sia che si faccia in due che da soli, si sposi tutt’ora con la morte e fuori da ogni leggenda e mito e tragedia. Chi ama qualcuno amandone la libertà, promuovendone la libertà e il coraggio, chi ama solo a patto di prendere in contropiede ogni paura, la propria e quella dell’altro, per dare una lezione ai paurosi che con le loro vite a metà stroncano anche la tua vita, bè, magari non muore fisicamente (diciamo: non è ancora degno di essere fatto fuori) ma civilmente, e quindi sentimentalmente, sì: viene di fatto isolato come un appestato, e dalla società e da ogni altro che, senza quella condizione di promozione di libertà, avrebbe potuto amarlo.

Crediti
 • Aldo Busi •
 • Pinterest •   •  •

Similari
 ⋯ Impero, vent’anni
445% Autori VariPolitica
Vent’anni fa, quando è stato pubblicato il nostro libro Impero, i processi economici e culturali della globalizzazione erano al centro della scena: tutti potevano vedere che stava emergendo qualcosa come un nuovo ordine mondiale. Oggi la globalizzazione è⋯
 ⋯ Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
308% ArticoliAutori VariPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯
⋯  ⋯Capitalismo o Economia Pianificata
301% Herbert George WellsPolitica
Herbert George Wells: Le sono molto grato per aver accettato di incontrarmi. Recentemente sono stato negli Stati Uniti. Ho avuto una lunga conversazione con il presidente Roosevelt e ho cercato di chiarire quali sono le sue idee principali. Ora sono venut⋯
 ⋯ Vogliate essere liberi, e lo sarete!
266% Michail BakuninPolitica
Cari compagni, vi ho detto la volta scorsa che due grandi avvenimenti storici avevano fondato la potenza della borghesia: la rivoluzione religiosa del sedicesimo secolo, conosciuta col nome di Riforma, e la grande Rivoluzione politica del secolo scorso. Ho⋯
 ⋯ La scrittura delle donne
201% ArticoliCixous HélèneSocietà
Héléne Cixous rilegge il saggio di Freud sulla Testa di Medusa per rivendicare il potere dell’écriture feminine, della scrittura femminile. Da terrificante e mostruosa, Medusa si trasforma in una figura sorridente e sovversiva in grado di destabilizzare l⋯
Pacha MamaXVIII/XX Tesi di politica
166% Enrique DusselPolitica
Il postulato politico nella sfera ecologica – campo delle relazioni dell’essere vivente umano con il suo mezzo fisico-naturale terrestre – si potrebbe enunciare così: Dobbiamo agire in modo tale che le nostre azioni e istituzioni permettano per sempre, pe⋯