Chi è che agisce? Chi è che parla?

La domanda «Chi è che agisce? Chi è che parla?» assume il ruolo di una suggestione intesa alla sintesi di una personalità inconscia che non tarderà a manifestarsi. Inoltre nella mente del soggetto comparirà un nome, dotato in genere di un’intensa carica emotiva, e così lo sdoppiamento della personalità sarà completo. I resoconti, che qui seguono, presi dalla letteratura, dimostrano che questa sintesi è quanto mai casuale e fortuita.

Crediti
 • Carl Gustav Jung •
 • Psicologia e patologia dei cosiddetti fenomeni occulti •
 • 1902 •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Tra neuroscienze, psicologia e letteratura, la nascita di unIl cervello raccontato
138% ArticoliNeuroscienzePaolo Pecere
Il rapporto tra l’attività cerebrale e l’identità di una persona è un tema attualissimo, che fin dalle sue prime formulazioni moderne ha messo in questione il ruolo della narrazione: come può collegarsi l’operare dei miliardi di neuroni che compongono il ⋯
Egon Schiele ⋯ SunflowerL’essenza del testo
63% ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso Il piacere del testo analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a leggere fino a farsi del male! Fino⋯
Ugo de CesareBisogno di identità e di sicurezza
59% Luigi PecchioPsicologia
Non solo ci riconosciamo negli altri e mediante gli altri attraverso i meccanismi dell’identificazione già noti, ma, prima ancora, dobbiamo essere in grado di individuare noi stessi e quindi l’essenza della nostra personalità attraverso un sistema che per⋯
 ⋯ Le origini romantiche della psicoanalisi e l’obiezione di Nietzsche
54% ArticoliPsicologiaUmberto Galimberti
A differenza di tutti i popoli della terra, l’uomo occidentale un giorno ha detto Io. L’ha annunciato Platone e l’ha esplicitato Cartesio. La psicologia ha catturato questa parola e ne ha fatto il centro della soggettività, dispiegando una visione del mon⋯
 ⋯ La psiche come respiro
54% ArticoliPsicologia
La parola psiche la incontriamo in Omero con riferimento all’ultimo respiro. psychein, infatti, è un verbo greco che significa respirare, e anche la parola corpo (in greco soma) era riferita unicamente al cadavere, nel senso che il corpo vivo per Omero, e⋯
 ⋯ Quando l’odio è senza controllo
45% PsicologiaUmberto Galimberti
Perché ci spaventa la strage di Erba, dove una coppia di vicini uccide una madre, il suo bambino, la nonna e la signora della porta accanto? Lo spettacolo è truce, ma forse quel che più ci angoscia non è tanto la sua truculenza, quanto sapere se noi siamo⋯