⋯
Gli uomini temono al pensiero più di ogni altra cosa al mondo; più della rovina, addirittura più della morte.
Il pensiero è sovversivo e rivoluzionario, distruttivo e terribile. Il pensiero è spietato verso i privilegi, verso le istituzioni stabilite e verso le comode abitudini; pensiero è anarchico e fuori legge, indifferente alle autorità, incurante con la saggezza del passato.
Ma se il pensiero dovrebbe essere in possesso di molti e non il privilegio di alcuni, spesso dobbiamo avere a che fare con la paura. È la paura che ferma l’uomo, paura che le loro care convinzioni non possano essere illusioni, paura che le istituzioni in cui vivono non risultino dannosi, paura che loro stessi non siano meno degni di rispetto di quello che si aspettavano.
Penserà liberamente il lavoratore sulla proprietà? Quindi cosa sarà di noi ricchi?
Saranno in grado di pensare liberamente i giovani ragazzi sul sesso? Allora, cosa sarà della morale?
Saranno in grado di pensare liberamente i soldati sulla guerra? Allora, cosa ne sarà della disciplina militare?
Al diavolo il pensiero!
Torniamo ai fantasmi del pregiudizio, per tenere lontano la proprietà, la moralità e la guerra dal pericolo di estinzione!
È meglio che gli uomini siano stupidi, amorfi e tirannici, prima che i suoi pensieri siano liberi. Se i loro pensieri sono liberi, sicuramente non penseranno come noi. E questo disastro deve essere evitato a tutti i costi.
Così lo sostengono i nemici di pensiero nelle profondità inconsce delle loro anime. E così agiscono le chiese, le scuole e le università.

Crediti
 • Bertrand Russell •
 • Principes of Social Reconstruction •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Il caso Nietzsche
558% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Il Codice di Hammurabi
459% ArticoliStorieWikipedia
Quando Anu il Sublime, Re dell’Anunaki, e Bel, il signore di Cielo e terra, che stabilirono la sorte del paese, assegnarono a Marduk, il pantocratore figlio di Ea, Dio della giustizia, il dominio su ogni uomo sulla faccia della terra, e lo resero grande f⋯
Sapere di non essere
364% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯
La scrittura delle donne
307% ArticoliCixous HélèneSocietà
Héléne Cixous rilegge il saggio di Freud sulla Testa di Medusa per rivendicare il potere dell’écriture feminine, della scrittura femminile. Da terrificante e mostruosa, Medusa si trasforma in una figura sorridente e sovversiva in grado di destabilizzare l⋯
Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
252% ArticoliPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯