Ci sto bene in quel quadrante
Esistono livelli di inquietudine molto diversi tra loro, addirittura differenti alla radice. Al contrario, la serenità è decisamente più monocorde: chi è veramente sereno… è sereno, punto. Trovo che il rapporto tra inquietudine e serenità segni la vita delle persone con vari toni di profumo.
Per capire meglio ciò che intendo, provate a mettere in relazione questi due opposti.
Su di un foglio bianco disegnate una croce cartesiana.
In verticale l’inquietudine: meno inquieti a sud e più inquieti a nord.
In orizzontale la serenità: per niente sereni a ovest e molto sereni a est.
Ora definiamo le categorie umane in base alla propria posizione.
A nordovest si trovano i grandi inquieti, per nulla sereni: coloro che vivono in modo irrequieto ogni attimo della vita, non decidono, si rodono.
A sudovest stanno le persone inutili, prive di emozioni, larve umane: ahimè esistono.
A sudest ci imbattiamo nei tipi che vivono la propria serenità in modo indolente; stanno bene, loro, ma non combinano cose utili per la comunità.
Infine concentratevi sul quadrante a nordest: vi stanno coloro che sono capaci di gestire la propria inquietudine. Lo so che siete portati a pensare che si tratta di una categoria inesistente. Ma non è così, sono persone che vivono con serenità la propria inquietudine. In questi personaggi, l’inquietudine ha una radice diversa da quella, sofferta, di chi si trova a ovest.
Ecco cosa intendevo quando ho detto che esistono livelli di inquietudine molto diversi tra loro.
Ebbene, penso di essere uno che ci sguazza nel mare di nordest. Ci sto bene in quel quadrante, perché non solo trovo serenità nella mia inquietudine, ci godo.
Ora proverò a definirmi meglio. […]

Crediti
 Oscar Farinetti
 Never Quiet
 SchieleArt •   • 




Quotes casuali

Nasciamo uguali, ma l'uguaglianza cessa dopo cinque minuti: dipende dalla ruvidezza del panno in cui siamo avvolti, dal colore della stanza in cui ci mettono, dalla qualità del latte che beviamo e dalla gentilezza della donna che ci prende in braccio.Joseph Mankiewicz
Era la felicità che avevo inseguito per tutta la vita, senza esser capace neppure di sognarla. L'avevo trovata, è scoperto che cosa fosse. La felicità che mi era sempre stata negata, avevo il diritto di viverla quella felicità. Non me lo avete concesso. E allora, è stato peggio per me, peggio per voi, peggio per tutti. Dovrei rimpiangere ciò che ho fatto? Forse. Ma non ho rimorsi. Rimpianti sì, in ogni caso nessun rimorso…Joseph Dubois
Credere o agire in modo contrario alle nostre convinzioni e ai nostri atti.errare (verbo intransitivo) Ambrose Bierce
Il dizionario del diavolo