Ciò che sostiene l'universo è il vuoto

Il libro è senza autore, perché si scrive a partire dalla scomparsa parlante dell’autore. Ha bisogno dello scrittore, che è assenza e luogo dell’assenza. Il libro è libro, quando non rimanda a qualcuno che l’abbia fatto, purificato dal suo nome, liberato dalla sua esistenza come dal senso proprio di colui che lo legge. Bisogna allora comprendere l’importanza del vuoto. Ciò che porta e sostiene l’universo è il vuoto. Nella scrittura il vuoto è l’assenza, il bianco. La parola scritta è fatta di vuoto. C’è bisogno dello spazio vuoto, di silenzio fra una parola e l’altra perché le parole siano leggibili. Non si possono leggere le parole scritte se non c’è uno spazio fra loro e la frazione di silenzio fra le parole dette ne permette l’udibilità. La parola è allora qualcosa che è scritto su un vuoto, inciso sul vuoto, come se potesse esserci una parola detta attraverso il vuoto. Senza una distanza fra le persone che parlano non vi sarebbe udibilità.

Crediti
 • Maurice Blanchot •
 • Pinterest • Giorgio De Chirico  •  •

Similari
Loui Jover ⋯ Considerazioni su scrittura e libertà
195% ArticoliGianmarco PinciroliLinguaggio
Kafka e Beckett tra narratività e nichilismo Questo lavoro non è e non intende essere un contributo critico in senso stretto rispetto all’opera letteraria e drammatica di Beckett; intende, invece, provare a render conto di un’ipotesi interpretativa, circa ⋯

Egon Schiele ⋯ SunflowerL’essenza del testo
166% ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso Il piacere del testo analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a leggere fino a farsi del male! Fino⋯

Alison Scarpulla ⋯ La sola e autentica Poesia
85% LinguaggioMaurice Blanchot
Volere scrivere, quale assurdità: scrivere è la decadenza del volere, come la perdita del potere, la caduta della cadenza, il disastro ancora. Scrivere può almeno avere questo senso: usare gli errori. Parlare li propaga, li dissemina facendo credere a una⋯

 ⋯ Non vi è nulla al di fuori del testo
84% ArticoliDarin McNabbLinguaggio
Già si è detto tutto, ma siccome viviamo dimenticando, bisogna continuare a ripeterlo. La ripetizione non è innocente: produce nuovi effetti. Se si pensa al termine postmoderno, vengono rapidamente in mente persone come Nietzsche, Heidegger, Foucault e De⋯

 ⋯ Le maschere e il teatro della vita
81% ArticoliClaudio MustacchiLinguaggio
II linguaggio quotidiano associa spesso la metafora della maschera definendo ad essa l’inganno e l’imbroglio. Nel quotidiano ritornano frasi del tipo togliti la maschera!, quel tipo porta sempre una maschera, cosa c’è dietro la sua maschera?. Il termine s⋯

 ⋯ Telefonino e la verità
75% LinguaggioUmberto Eco
Quando Zivago rivede dal tram Lara, non riesce a scendere in tempo e muore. Ma se avessero avuto un cellulare forse ci sarebbe stato un lieto fine. La scorsa Bustina ho accennato al libro di Maurizio Ferraris (Dove sei? Ontologia del telefonino, Bompiani)⋯