⋯  ⋯

Il soggetto è quel sorgere che, appena prima, come soggetto, non era niente, ma che, appena apparso, si fissa in significante. Che cosa ho cercato di far comprendere con lo stadio dello specchio? Che quanto c’è nell’uomo di frammentato, di anarchico, si pone in un rapporto con le sue percezioni sul piano di una tensione assolutamente originale. È l’immagine del suo corpo a essere il principio di ogni unità che percepisce negli oggetti. Ora, di questa stessa immagine egli percepisce l’unità solo al di fuori e in modo anticipato. Per il fatto di avere questa relazione doppia con se stesso, è sempre intorno all’ombra errante del suo proprio io che si struttureranno tutti gli oggetti del suo mondo. L’oggetto non è mai definitivamente per lui l’ultimo oggetto, tranne in alcune eccezionali esperienze. Ma si presenta allora come un oggetto di cui l’uomo è irrimediabilmente separato e che gli mostra la figura stessa della sua deiscenza all’interno del mondo – oggetto che per essenza lo distrugge, lo angoscia, che non può raggiungere, in cui non può veramente trovare la sua riconciliazione, la sua aderenza al mondo, la sua perfetta complementarità sul piano del desiderio. Il desiderio ha un carattere radicalmente lacerato. L’immagine stessa dell’uomo vi apporta una mediazione sempre immaginaria, sempre problematica, dunque mai del tutto compiuta. È questa oscillazione immaginaria che dà a tutta la percezione umana la soggiacenza drammatica con cui è vissuta.

Crediti
Jacques Lacan

Pinterest
Similari
Il caso Nietzsche
770% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
513% ArticoliPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯
Sapere di non essere
331% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯
Menzogna romantica e verità romanzesca
314% Alfio SquillaciArticoli
Cosa sappiamo del desiderio umano? L’opinione dominante, tanto nelle scienze umane che nel senso comune, è che l’uomo fissi in modo completamente autonomo il suo desiderio su un oggetto. Quest’approccio spiegherebbe la nascita del desiderio col fatto che ⋯
La scrittura delle donne
292% ArticoliCixous HélèneSocietà
Héléne Cixous rilegge il saggio di Freud sulla Testa di Medusa per rivendicare il potere dell’écriture feminine, della scrittura femminile. Da terrificante e mostruosa, Medusa si trasforma in una figura sorridente e sovversiva in grado di destabilizzare l⋯